Andrà molto peggio, prima di andare meglio

Robert Kagan, “Il diritto di fare la guerra”

in Riletture/Stati-Uniti

Nell’Occidente si è prodotto un grande scisma filosofico: al posto dell’indifferenza reciproca, fra America ed Europa si è instaurato un forte antagonismo che minaccia d’indebolire entrambi i partner della comunità atlantica. La maggioranza degli europei ha messo in dubbio la legittimità del potere americano e della supremazia mondiale degli Stati Uniti. Per la prima volta dalla fine della Seconda guerra mondiale, l’America si trova quindi a soffrire di una crisi di legittimità internazionale.

Durante la Guerra Fredda, la legittimità del potere americano e della sua leadership mondiale venne sostanzialmente accettata, e non solo dagli americani. Contrariamente alle leggende che fioriscono di questi tempi, gli Stati Uniti non hanno acquisito tale legittimità attraverso la creazione dell’Onu e l’accettazione dei “sacri” principi sanciti dalla carta delle Nazioni Uniti. Basti pensare al fatto che il Consiglio di Sicurezza dell’Onu è praticamente rimasto paralizzato, nei primi quarant’anni della propria esistenza, dalla contrapposizione creata dalla Guerra Fredda. Tale legittimazione invece, soprattutto in Europa, derivava da tre ordini di fattori: la percezione europea dell’esistenza di una minaccia geostrategica rappresentata dall’Unione Sovietica, l’esistenza di una altrettanto evidente minaccia ideologica proveniente da Mosca e, da ultimo, la presenza di un equilibrio “strutturale” di potere, cioè la presenza di un potere mondiale bipolare, che contribuiva a strutturare le relazioni internazionali e la legittimazione degli Stati Uniti come rappresentante del “mondo libero”. Il venir meno della minaccia sovietica, e l’affermarsi degli Stati Uniti come unica potenza hanno risvegliato i timori dell’Europa: lo spirito della democrazia liberale rifiuta l’idea di un predominio egemonico, anche se questo venisse esercitato in modo benevolo. Come scrisse Lord Acton, “il potere assoluto corrompe in modo assoluto”. Dopo l’11 settembre 2001, gli europei hanno preso coscienza del fatto che la loro tradizionale egemonia sugli Stati Uniti era venuta meno. Tale egemonia, secondo gli europei, si alimenta della stessa costruzione comunitaria. Come ha scritto Javier Solana, gli Stati Uniti hanno bisogno dell’Europa perché quest’ultima è “un alleato la cui legittimità proviene dall’azione collettiva dell’unione di venticinque stati sovrani”. Quindi la legittimità sarebbe più una fonte di potere che di forza, secondo gli europei, cioè del potere di “guidare”, sulla base dell’adesione a comuni valori liberali, la forza politica e militare degli Stati Uniti, come avvenuto negli scorsi decenni. L’Europa cerca quindi di riguadagnare influenza sugli Stati Uniti attraverso il gioco della legittimazione, e della negazione della sua concessione.

L’Europa ritiene quindi che il Consiglio di Sicurezza dell’Onu rappresenti la struttura politica più idonea a trasmettere la propria legittimazione agli Stati Uniti. Sfortunatamente, le istituzioni dell’Onu non si sono dimostrate idonee a gestire il primo decennio del dopo guerra fredda, come dimostra il caso dell’intervento in Kosovo del 1999.
Tale intervento fu gestito dalla Nato, senza ottenere l’autorizzazione formale (e formalistica) del Consiglio di Sicurezza Onu, anzi malgrado la forte contrarietà di due membri permanenti di esso, Cina e Russia. Furono gli europei, soprattutto i tedeschi, per bocca del ministro degli esteri Joschka Fischer, a chiedere a gran voce l’intervento della Nato, ritenendo non tollerabile il riproporsi sul suolo europeo di situazioni di genocidio che ricordavano sinistramente quanto accadde durante l’Olocausto: l’etica e la storia ebbero la meglio sui principi del diritto internazionale, sancendo per la prima volta il diritto d’ingerenza umanitaria nella vita di uno stato sovrano (in quel caso, la Serbia). Le conseguenze di questa iniziativa dirompente non sono forse ancora state comprese appieno, soprattutto dagli europei, perché l’intervento aveva violato il principio cardine dell’Onu: l’uguaglianza inviolabile e sovrana di tutte le nazioni. E’ questo il cosiddetto “sistema vestfaliano”, concepito in seguito alle devastanti guerre di religione del Seicento, che difese la sovranità nazionale e il principio della non ingerenza come prerequisiti per la pace internazionale. Se la sovranità nazionale non venisse ritenuta “sacra” ed inviolabile e il senso di giustizia e di moralità autorizzasse ogni nazione a intervenire negli affari interni di un’altra, su quale fondamento potrebbe costituirsi un qualsiasi ordine legale? Ma questo è il trionfo della morale (occidentale e liberale) sul formalismo del diritto internazionale, quel comune denominatore cinico e spietato che ha finora permesso il “funzionamento” delle Nazioni Unite. Nel 1999 gli europei non consideravano l’Onu fonte di legittimità all’intervento armato, alla “ingerenza umanitaria” ma, per la carta dell’Onu, la “guerra umanitaria” è illegale tanto quanto la “guerra preventiva”.

Nella misura in cui il liberalismo si fonda sulla convinzione che la giustizia e il bene morale consistano nella difesa dei diritti dell’individuo, senza i quali il liberalismo stesso sarebbe privo di senso, sarà sempre più forte il contrasto tra il liberalismo “vestfaliano”, cioè di fatto il realismo kissingeriano (e dell’attuale Unione Europea), e il liberalismo interventista su basi etiche. Nel mondo reale, l’applicazione troppo rigida dei principi del diritto internazionale può impedire il perseguimento del bene morale e della giustizia, come hanno riconosciuto gli europei nel caso del Kosovo.

Tutti i liberali moderni devono confrontarsi con questo dilemma. Tony Blair ha affermato, durante la guerra in Kosovo, che l’Europa deve lottare “per un nuovo internazionalismo in cui la brutale repressione dei gruppi etnici non verrà più tollerata, e per un mondo in cui i responsabili dei crimini non abbiano dove nascondersi”. Se questo è il “nuovo internazionalismo”, allora il “vecchio internazionalismo”, quello della Carta delle Nazioni Unite, è morto, ed in ogni caso gli europei dovranno scegliere con quale internazionalismo schierarsi.

Il concetto di “guerra preventiva” non è nuovo nel panorama delle relazioni internazionali, non è certo stato inventato da George W. Bush. John Fitzgerald Kennedy teorizzò (e tentò di praticare, invero con scarsi risultati…) la dottrina dell’attacco preventivo nel caso della crisi dei missili sovietici a Cuba. Ai giorni nostri, pensatori liberal come Michael Walzer, teorico della “guerra giusta”, sostengono che di fronte alla minaccia di armi di distruzione di massa, progettate in segreto, destinate a produrre effetti devastanti su migliaia di esseri umani in pochi minuti, e facilmente occultabili (Iraq docet…) servano risposte “preventive” e rapide, senza le lungaggini tipiche delle deliberazioni Onu e delle guerre convenzionali.

Parlando di “unilateralismo” degli Stati Uniti, gli europei intendevano affermare che gli americani avevano perso il consenso di Parigi e Berlino, e quest’ultime avevano perso la loro tradizionale influenza sugli Stati Uniti, da cui promanava, agli occhi degli europei, la legittimazione di quest’ultimi. L’idea di Bush secondo cui la “missione determina la coalizione” , cioè la creazione di “coalizioni di volenterosi” a geometria più o meno variabile, priva l’Europa della sua tradizionale influenza su Washington, e da ciò si sono create le recriminazioni contro la logica americana del divide et impera.

Gli Stati Uniti hanno sofferto della mancata legittimazione di parte dell’Europa, perché sensibili alle opinioni di paesi che essi considerano affini sul piano dei valori liberali.

Secondo Kagan, il modo migliore per raggiungere una nuova e migliore multilateralità è rappresentato dalla capacità che gli Stati Uniti mostreranno nel contemperare la difesa dei propri interessi con la promozione e la diffusione di valori universalistici e liberali. “Non lottiamo solo per noi stessi, ma per l’umanità”, disse Benjamin Franklin. Quei principi vanno difesi ed estesi a tutto il mondo liberale, ammesso (secondo noi) che il liberalismo europeo possa ancora definirsi tale, e non sia diventato solo un frusto e cinico realismo vestfaliano.

Robert Kagan
Il diritto di fare la guerra. Il potere americano e la crisi di legittimità
Mondadori, 2004

Ultimi in Riletture

Placeholder

Fatevi un favore

Andate a reperire questo agile libretto, e leggetelo. Non è complesso, anzi. È
Placeholder

Bei tempi andati

«Sia appiccato per la gola, tanto che muoia sulle forche…» Armenio Melari,
Placeholder

Restiamo umani

«Come sei messo coi ragazzi?» «I ragazzi?» «Gli esuberi.» «Ancora uno e
Placeholder

Vivacemente morti

«Poiché una specie di mortifera euforia verbale, un’eutanasia da dibattito, sembrava accompagnare
Go to Top