Il settimanale – 24/11/2012

Saturday, 24 November, 2012

in Rassegna Stampa

  • Dopo S&P, anche Moody’s scuce la terza A dal petto francese. Problemi specifici al paese ma soprattutto sistemici, causati dall’Europa, che si sta desertificando mentre la tragica farsa greca prosegue;
  • Se per uscirne serve svalutazione interna, cioè deflazione, a maggior ragione serve un euro-welfare e la riforma del bilancio comunitario;
  • Il miracolo della sopravvivenza delle imprese italiane. Ma per quanto ancora?
  • Come uscire dal cratere? Prima di tutto smettendo di pensare fallacemente che l’Italia abbia tutte le colpe e sia davvero padrona del proprio destino. Poi ci si può sempre rifugiare nei sogni o nelle fiabe;
  • Cose che andrebbero fatte per cambiare il paese, se ci fosse uno straccio di crescita a fornirci le risorse;
  • Nel concetto di “nuova offerta politica”  vale tutto, anche cambiare il contenuto mantenendo l’etichetta, o al limite la data di scadenza;
  • Renato Brunetta, premio Nobel per l’Amnesia;
  • Parafrasando Gaber, una scomoda verità italiana;
  • Eccezioni alla regola;
  • Perché i gold bugs sono portatori di un pensiero antistorico ed al limite del totalitario;


Share Button

Previous post:

Next post: