Andrà molto peggio, prima di andare meglio

Alitalia, il prestito ponte sul fiume dei guai

in Adotta Un Neurone/Economia & Mercato/Italia

Come saprete, da un paio di giorni la telenovela della piaga purulenta chiamata Alitalia si è arricchita di un nuovo episodio. Niente proclamazione del fortunato vincitore-compratore all’apertura delle buste di lunedì 16 ottobre; spostamento al 30 aprile di questo fausto momento, che tuttavia continua a sfuggire ai contribuenti italiani come una pozza d’acqua sfugge agli assetati nel deserto, quando le si arriva vicino. Rimborso del prestito-ponte a novembre 2018 perché bisognerà pur dare tempo al vincitore ad abituarsi all’idea, no?

Ed ovviamente altra dote di 300 milioni di euro di “prestito-ponte” a penalty rate di poco inferiore al 10%, che si sommano ai 600 erogati in avvio di commissariamento, “così la Ue non può dire nulla”Perché notoriamente il mondo si divide tra chi crede alle fiabe raccontate dagli italiani, e finisce a pagarne il conto, e quanti non credono alle sopracitate fiabe-bufale ma sanno che alla fine il conto arriverà in testa agli italiani medesimi e quindi si mettono comodi, con ampie scorte di popcorn.

I giornali, in prevalenza, hanno già iniziato ad allinearsi e coprirsi, mostrando amorevole comprensione per le ragioni governative. Ecco quindi che il prolungamento del prestito-ponte, che ormai è a campata multipla, è motivato col fatto che “darsi delle scadenze fisse e rigide indebolisce il venditore”, come “suggerito” dal ministero dello Sviluppo economico (MISE). Questa sconvolgente presa di coscienza, destinata a cambiare il corso della civiltà occidentale, è però deflagrata a causa di altro evento del tutto imprevedibile: l’assenza di compratori per la vendita in blocco del complesso aziendale, quello fatto di aviation e handling.

E poi, diciamocelo: il cosmo complotta contro l’Italia. Come se non bastassero i tedeschi, i francesi, i venusiani e i romulani, che vogliono costringerci a svendere le nostre preziose sofferenze bancarie anziché collocarle al MOMA dopo asta miliardaria, nelle ultime settimane nel settore aereo europeo è accaduto di tutto, signora mia: il fallimento dei britannici di Monarch, i casini di Ryanair, Lufthansa che sta digerendo come un pitone i pezzettoni di Air Berlin che si è magnata in pochissime settimane, dopo che a Ferragosto il governo federale tedesco aveva notificato alla Commissione Ue che avrebbe provveduto ad erogare un prestito-ponte, suscitando i lazzi di molti nostri editorialisti di sistema, che al grido “e loro, allora?”, già pregustavano il via libera ad altre centinaia di milioni per Alitalia, perché se i tedeschi spendono 150 milioni di prestito-ponte per Air Berlin, allora noi italiani dovremmo poter spendere almeno dieci volte tanto dei soldi dei nostri connazionali contribuenti, “perché noi valiamo”. Altrimenti ce l’hanno con noi, maestraaaaaa!

Invece, niente: Lufthansa paga 210 milioni per parti di Air Berlin, e riesce quindi a ripagare i 150 milioni del prestito ponte pubblico; a tempo di record, insolvenza aperta e chiusa. “Eh, ma per loro è stato molto più facile, perché Air Berlin aveva l’acquirente in casa e noi no, e comunque non fatela così facile perché noi italiani abbiamo specificità, peculiarità, trallallero trullallà”. C’è sempre un evento esterno che si frappone tra l’Italia ed i suoi piani ben riusciti. Come i più lunatici tra voi ricorderanno, l’Italia cresceva poco e male, nella prima metà degli anni Duemila, unica in Occidente, “a causa delle Torri Gemelle” (Tremonti dixit).

Però, non angustiatevi: vedrete che nei prossimi sei mesi troveremo un cane volante in grado di prendersi tutto in blocco, “senza svendere”, come direbbe l’ottimo ministro Graziano Delrio, vero patriota che fa il vostro interesse, contribuenti italiani. E siamo certi che qualcuno ha già detto: “vabbè, ma che ci frega? Noi mettiamo il tasso di penalità sul prestito ponte, così la Ue non rompe le palle, e andiamo avanti a oltranza, così è legittimo!”

Nel frattempo, la somma lievita a livelli da strozzo ma non temete: prima o poi faremo una Bad Company a carico dei contribuenti, dove metteremo anche quell’importo. Alitalia è l’unica compagnia aerea al mondo che, nel volgere degli anni, rinasce dalla proprie ceneri (ricordate il Piano Fenice?). Anche per questo, nello statuto di Alitalia, oltre al trasporto passeggeri, verrà opportunamente inserita, tra le missioni aziendali, la produzione di Bad Company a carico dei contribuenti. Nel frattempo, faremo un altro paio di voluntary disclosure, una rottamazione della rottamazione della rottamazione, in comode rate decennali, e vedremo di coprire pure il fabbisogno di questi prestiti ponte.

Perché noi siamo italiani, caxxo: il mondo complotta contro di noi ma noi riusciamo sempre ad uscirne più belli e più forti che prìa, e con la nostra innegabile creatività latina-mediterranea: ad esempio, sulle banche non abbiamo avuto il bail-in, non abbiamo avuto il bail-out ma abbiamo avuto entrambi, in una creatura mitologica che ha prodotto e produrrà un multiplo dei costi delle soluzioni “base”, così noiose e prevedibili per noi italiani. E se non bastasse, introdurremo una seconda moneta e copriremo le perdite, perché (ancora una volta) noi siamo gli italiani, e che caspita.

Un popolo orgoglioso di fallire in modi che non troverete in nessun’altra parte del mondo e della Storia. Un popolo-Denim, quello che “non deve chiedere mai”, ma se la Ue non ci dà l’unione bancaria coi soldi dei contribuenti degli altri paesi, noi ci buttiamo a terra in preda a convulsioni e minacciamo di farli neri, anche con l’aiuto dei nostri migliori editorialisti, gente che ha una capacità non comune di leggere la realtà.

E comunque, si potrà mica fermare a questo modo un’azienda che funziona, no? Perché considerate che i 600 milioni di prestito iniziale non sono stati praticamente usati ma ora che “viene l’inverno” e per scaldarsi si brucia cassa, servirà anche il rinforzino degli altri 300 milioni. E poi verrà l’estate, vorrete mica far saltare Alitalia nel mezzo di una stagione turistica, no? E se pensate di poterla chiudere in autunno-inverno, fatevela passare: come farebbero altrimenti quelli che in estate hanno comprato biglietti?

La verità è una sola: abbiamo fatto una scoperta da Nobel. Per le controindicazioni sopra citate, nessuna compagnia aerea potrà mai fallire. Cosa è il genio? Di qualsiasi cosa si tratti, è italiano. Come Bertoldo, che non trovava un albero che gli piacesse, per poter dare corso alla propria impiccagione. Solo che alla fine anche Bertoldo morì, perché la sua furbizia fini a ritorcerglisi contro. Troppo creativi, noi italiani. Per quello finiremo malissimo. Ma che ve lo dico a fare?

Tags:

Ultimi in Adotta Un Neurone

Placeholder

Michele, l’intenditore

Alcuni frusti luoghi comuni sono associati alla politica, definita spesso “l’arte del
Go to Top