Andrà molto peggio, prima di andare meglio

Category archive

Discussioni

Pubblica amministrazione, se si premia la mancata assenza

di Luigi Oliveri

Egregio Titolare,

finalmente dopo 7 anni di blocco, il rinnovo dei contratti collettivi nazionali di lavoro dei dipendenti pubblici fanno un deciso passo in avanti, grazie all’accordo stipulato il 30 novembre tra Governo e sindacati (col referendum che ha tirato la volata da par suo).

Leggi tutto

Salute, cosa non cambia con la nuova Costituzione

di Vitalba Azzollini

Egregio Titolare,

come Lei ha più volte evidenziato, non sarà un qualsivoglia risultato del prossimo referendum costituzionale a salvare il Paese da un esito comunque infausto. Eviterò, quindi, di perorare la causa dell’uno o dell’altro schieramento. Tuttavia, in questo spazio web che lei cortesemente mi concede, vorrei verificare la rispondenza al vero di certe argomentazioni utilizzate dai sostenitori della riforma relativamente a un tema su cui non dovrebbe esserci il benché minimo fraintendimento e, a maggior ragione, l’ombra di alcun inganno. Si tratta della salute – quella che, quando c’è, c’è tutto – su cui nessuno deve permettersi di mistificare.

Leggi tutto

Le banche italiane il 5 dicembre

In attesa del giudizio divino di domenica, facciamo una rapida rassegna stampa a commento delle criticità del sistema bancario italiano, alla luce dell’esito del referendum, sempre con la consapevolezza che, se c’è un modo per fare casino con una situazione e trasformarla in un gioco a somma negativa, gli italiani lo faranno. O anche, che se c’è da costruire teoremi e ricette miracolose sulla base di correlazioni rigorosamente spurie, là troverete un italiano intento ad arringare le folle.

Leggi tutto

I grandi progetti di Fillon. Per la Germania

Spigolando tra i punti del programma presidenziale di François Fillon (che analizzeremo in dettaglio col trascorrere delle settimane), ci è caduto l’occhio sulla parte relativa alle politiche europee, in particolare su ruolo dell’euro e politica commerciale. Da essi si coglie il tentativo di Fillon di svuotare l’acqua dell’acquario in cui nuota il Front National di Marine Le Pen (che non ha ancora aggiornato il programma del suo partito, fermo al 2012) e rinsaldare il direttorio franco-tedesco, entro un quadro sempre più intergovernativo in cui la Commissione europea finirebbe rottamata. Operazioni ad elevato rischio di esecuzione, diremmo, oltre che basate su alcuni assunti piuttosto eroici.

Leggi tutto

Tra narrare e legiferare non c’è solo l’intralcio bicamerale

di Luigi Oliveri

Egregio Titolare,

Il Parlamento viene spesso, a torto, considerato lento nella produzione delle leggi, opera che, per altro, non dovrebbe essere valutata sulla base del tempo che ci si mette, quanto sulla qualità, chiarezza ed utilità delle norme prodotte.
Si dice che il bicameralismo appesantisce, duplica, intralcia e che, dunque, come rimedio occorrerebbe evitare le lungaggini e trappole del rimpiattino tra camere, commissioni e rapporto tra correnti, in favore di un maggior decisionismo. A questo scopo, da sempre, la Costituzione consente al Parlamento di delegare la produzione delle leggi al Governo.

Leggi tutto

FOIA all’italiana: fatta la regola, l’Anac trova le (numerose) deroghe

di Vitalba Azzollini

Egregio Titolare,

sono sempre mirabili le modalità con le quali i regolatori nazionali concretizzano le proprie intenzioni in senso opposto a quello proclamato. Il decreto c.d. Foia, “finalizzato a rafforzare la trasparenza amministrativa”, ne è l’ennesimo esempio: emanato con l’obiettivo di trasformare l’Italia in un Paese ove “la regola generale è la trasparenza mentre la riservatezza e il segreto eccezioni”, conferma invece che qui “le regole non esistono. Esistono solo le eccezioni” (Jovanotti docet).

Leggi tutto

La caricatura di un giudizio divino

Discussioni/Italia

La stampa italiana ha questa caratteristica: tende a rilanciare, amplificandoli, distorcendoli e chiedendosi ossessivamente cui prodest, gran parte dei giudizi su questo disgraziato paese che circolano all’estero in sedi ed ambiti ritenuti “prestigiosi” o “informati sui fatti”. È andata puntualmente così anche per l’editoriale domenicale sul Ft (sulla versione online) di Wolfgang Münchau, il più antitedesco dei commentatori tedeschi, che ormai da anni scrive di imminente disintegrazione dell’Eurozona. Münchau, in caso di vittoria referendaria del No, si attende “una sequenza di eventi che susciterebbero domande sulla partecipazione dell’Italia all’Eurozona”, aggiungendo, subito dopo, che “le cause sottostanti a questa estremamente inquietante possibilità non hanno nulla a che fare col referendum in sé”.

Leggi tutto

Il Cnel dei miracoli

Contributi esterni/Italia

di Luigi Oliveri

Egregio Titolare,

Il Cnel pare essere come il cavallo di Riccardo III, qualcosa che valga addirittura un regno.

L’abolizione del Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro prevista dalla riforma della Costituzione appare essere uno dei motivi più forti per il Sì. E’, infatti, indubitabilmente un abbattimento degli odiosi “costi della politica”, una riduzione necessaria della spesa. Di quelle che non possono non giovare all’economia del Paese ed alla sua irresistibile ripresa.

Leggi tutto

Cercando la Salvezza in un paese a rischio permanente

Puntata di Focus Economia del 14 novembre condotta da Sebastiano Barisoni su Radio24. Su rendimenti di mercato e spread italiano, intervento del vostro titolare (a partire dal minuto 45), con Claudia Segre, presidente della Global Thinking Foundation e segretario di Assiom Forex. Perché l’Italia soffre di più sulla risalita dei rendimenti globali? Perché il nostro spread contro la Spagna continua ad allargarsi? Come forse avrete intuito, le spiegazioni sono più di una, ed ognuna concorre al risultato finale con diverso peso.

Leggi tutto

Trumponomics for (Italian) Dummies

Tentiamo una rapida rassegna degli assi portanti delle proposte economiche del presidente eletto degli Stati Uniti, Donald Trump. Premesso che tra i punti programmatici e la loro effettiva realizzazione passa sempre un oceano o più spesso il Triangolo delle Bermude, tentiamo di valutare se e come si realizzerà la “rivoluzione” trumpiana, soprattutto rispetto al suo target di “consumatori”, cioè quelli che lo hanno votato, comprandone le tesi.

Leggi tutto

Go to Top