Andrà molto peggio, prima di andare meglio

Category archive

Discussioni - page 2

Il dibattito ai limiti dell’assurdo sull’Europa “a cerchi concentrici”

I leader dei maggiori paesi dell’Ue parlano di “integrazione a velocità differenziate”. Ma già esiste, di fatto, da anni

di Mario Seminerio – Il Fatto Quotidiano

Giorni addietro, nella solenne cornice di Versailles, i quattro capi di stato e di governo dei maggiori paesi Ue (Germania, Francia, Italia, Spagna) hanno deciso che “unità non significa uniformità” e di conseguenza che i paesi dell’Unione potrebbero e dovrebbero procedere a velocità differenziate sulla strada dell’integrazione. È il concetto di Europa a più velocità o a cerchi concentrici di cui da qualche tempo si dibatte con un livello di astrazione quasi metafisico.

Leggi tutto

Fichi secchi inclusi

di Luigi Oliveri

Egregio Titolare,

apprendiamo dai giornali che è ormai in rampa di lancio il piano (l’ennesimo) di lotta alla povertà, che ha in dotazione 1,6 miliardi allo scopo di costruire qualcosa che somigli al reddito di cittadinanza, nel tentativo di scardinare uno degli slogan più riusciti dei 5 Stelle.

Leggi tutto

Licenziati dai robot?

Puntata di Otto e mezzo di sabato 4 marzo, condotta su La7 da Lilli Gruber, con Irene Tinagli, Riccardo Staglianò e il vostro titolare. Parliamo della disoccupazione tecnologica e della tassa sui robot suggerita da Bill Gates. La previsione di consenso degli econonomisti, che per i prossimi anni vedono una distruzione netta di occupazione ad opera delle nuove tecnologie, i mutamenti demografici che rendono futili le previsioni, il rischio protezionismo indotto dalla volontà di Donald Trump di riportare occupazione manifatturiera negli Usa, quando il calo di questa occupazione è imputabile non a concorrenza sleale dei partner commerciali quanto all’evoluzione tecnologica, la “cattura” della base imponibile delle aziende della New Economy.

Leggi tutto

Competitività, eppur si muove

Oggi Istat ha pubblicato l’edizione 2017 del Rapporto sulla competitività dei settori produttivi. Che mostra come, nell’ultimo biennio, il nostro paese abbia manifestato un recupero della capacità di penetrazione dell’export. Ci sono alcuni punti meritevoli di segnalazione, per capire come e dove la politica economica ha sin qui sbagliato, e cosa serve per ristrutturare e rilanciare la nostra economia.

Leggi tutto

Rai, il centauro sotto il tetto che scotta

di Vitalba Azzollini

Egregio Titolare,

La gestione schizofrenica di certe vicende nazional-popolari conferma che, comunque vada, il Paese non è destinato a quelle sorti magnifiche e progressive che qualche incauto profeta aveva preconizzato. La Rai – vale a dire l’azienda che, in vista di quelle sorti gloriose, doveva essere liberata dai partiti politici, affinché la sua governance fosse finalmente improntata a logiche di efficienza, anziché di spartizione di poltrone – ne è un esempio evidente.

Leggi tutto

Lo svantaggio competitivo del Tafazzi italiano

Mercoledì scorso, la plenaria del Parlamento europeo ha approvato a larga maggioranza una risoluzione che chiede alla Vigilanza unica della Banca centrale europea l’inserimento negli stress test dei cosiddetti attivi di Livello 3 delle banche, cioè quelli che vengono prezzati secondo modelli interni e non a mezzo di prezzi di mercato, in quanto la complessità di questi investimenti li rende pesantemente illiquidi e soggetti ad arbitrio valutativo. Non sappiamo se e come il Single Supervisory Mechanism darà seguito alla richiesta del Parlamento europeo, ma il momento è propizio per qualche considerazione in merito.

Leggi tutto

Welfare italiano, anatomia di una catastrofe

Ieri è stato presentato il Quarto Rapporto su “Il Bilancio del Sistema Previdenziale Italiano. Andamenti finanziari e demografici delle pensioni e dell’assistenza per l’anno 2015“, curato dal centro studi Itinerari Previdenziali. La sintesi e le sconsolanti conclusioni si trovano oggi in un commento di Alberto Brambilla (che del centro studi è presidente) sul Corriere.

Leggi tutto

Se la trasparenza è solo burocrazia

Contributi esterni/Italia

di Luigi Oliveri

Egregio Titolare,

La trasparenza e la lotta alla corruzione sono una cosa talmente seria ed importante, che proprio sarebbe il caso di uscire dall’equivoco della legge Severino (190/2012) ed eliminare la burocratizzazione che ne è derivata. Si prenda il caso dell’assessore del comune di Milano, Roberta Cocco, che non ha la minima intenzione di pubblicare la dichiarazione dei redditi relativa al 2015. Come si dice in giuridichese, “ai sensi e per gli effetti” dell’articolo 47 del “decreto trasparenza” (d.lgs 33/2013) questa omissione espone l’interessata all’applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria da 500 a 10.000, con tanto di obbligo di pubblicare il relativo provvedimento sul sito internet del Comune.

Leggi tutto

Direttiva Madia, normare il buonsenso

Contributi esterni/Italia

di Vitalba Azzollini

Egregio Titolare,

il legislatore nazionale ha talora la pretesa di disciplinare con specificità ogni dettaglio del vario estrinsecarsi delle azioni umane. Il suo ambizioso quanto astratto intento è quello di insinuarsi in ogni piega di una realtà complessa. Non lo sfiora il dubbio che i benefici attesi (e poco fondatamente valutati) possano essere sopravanzati dai costi connessi alla mole di regole emanate. Egli continua così a tessere fitte reti di prescrizioni particolareggiate, affinché niente possa sfuggire tra maglie normative sempre più strette. Di recente, l’aspirazione di risolvere e, addirittura, prevenire ogni minimo problema – facendo delle regole “l’oppio per sedare ogni presunto malessere” (Serena Sileoni) – va estendendosi dal legislatore ai titolari dei dicasteri.

Leggi tutto

Prendiamola con filosofia

di Luigi Oliveri

Egregio Titolare,

C’era un tempo nel quale la formazione universitaria e lavorativa indirizzava i datori di lavoro nella scelta dei propri collaboratori.
Per dire, le aziende di costruzione edìle, se hanno necessità di assumere un progettista che facesse i calcoli strutturali e dirigesse i lavori, si sentono autorizzate ad assumere, pensi un po’, un ingegnere. Ma, incredibile a dirsi, anche un’azienda che abbia bisogno di un supporto fiscale si sente tendenzialmente orientata ad affidare l’incarico eventualmente ad un commercialista.
Ma si tratta di cose del passato, vecchie, demodé e poco originali. Pensi, caro Titolare, quanta maggiore ricchezza e fantasia nel grigiore della routine desterebbe incaricare di seguire fiscalmente l’azienda un disegnatore di moda; o quanta armonia garantirebbe in una costruzione edile un diplomato al conservatorio!

Leggi tutto

Go to Top