Andrà molto peggio, prima di andare meglio

Summer slumber

Uncategorized

Cari e meno cari lettori,

per le prossime due settimane il sito rallenta la frequenza di pubblicazione, per la pausa estiva. Restiamo tuttavia pronti a segnalarvi eventi all’incirca rilevanti, come tutti i danni che la Brexit, le fasi lunari e le macchie solari infliggeranno alla resiliente economia italiana, inducendo il nostro governo ad ingaggiare un braccio di ferro con “gli ottusi burocrati di Bruxelles” per andare oltre il deficit-Pil di 1,8% previsto per il prossimo anno; oppure gli ultimi sviluppi di un sistema bancario solidissimo e sfortunatamente colpito da un’ossimorica molteplicità di eventi isolati. Non rilassatevi oltre il dovuto, però. Ci aspettano altri mesi ricchi di chiacchiere di spacciatori di sogni e bufale, correlazioni spurie e complotti dello Straniero; cercheremo quindi di raccontarveli, sin che noia o nausea non ci separino. Per tutto il resto ci si legge al solito posto.

Il settimanale – 6/8/2016

Rassegna Stampa
  • Dopo l’annuncio del piano barocco (o gotico?) per rimettere Monte Paschi in linea di galleggiamento, è del tutto evidente che restano in essere moltissime incognite, prima fra tutte il dimensionamento delle tranche della maxi cartolarizzazione delle sofferenze, che qualcuno aveva invece già dato per fatto, mentre le casse degli ordini professionali si sfilano;
  • L’occasione è tuttavia propizia per consentire al presidente dei banchieri italiani di esternare alcune bizzarre teorie e molta nostalgia liberal-statalista;
  • Nel frattempo Renzi, che già celebra il lieto fine, coglie l’occasione per esibirsi nella sua attività preferita, lo scaricabarile sul passato. Sfortunatamente, il passato è lui;
  • La congiuntura italiana scoppia di salute: recessione industriale ormai conclamata e dettaglianti depressi indicano che l’Italia è ripartita: ingranando la retro;
  • Giappone, quando la demografia gioca contro la salute fiscale di un paese;
  • Nel paese dei maghi del pacco, potevano mancare gli anni fatti di tredici mensilità?
  • Intanto il garrulo Renzi non convoca l’ambasciatore turco ma cinguetta;
  • Vi servono ospiti tv prevedibili, tranquillizzanti e che non citino dati del mondo reale? Non chiamatemi;
  • Iniziano le feroci dissonanze cognitive che piagheranno i poveri grillini sino al fallimento: loro e del paese;
  • Impoverimento sovrano, edizione britannica (ante Brexit);

Italia in evidente recessione industriale

Economia & Mercato/Italia

Pubblicato da Istat il dato relativo alla produzione industriale italiana di giugno. Ed è una sorpresa inequivocabilmente negativa, che non fa di noi un caso isolato in Eurozona ma conferma che, quando c’è da perdere colpi, il nostro paese non si tira mai indietro.

Leggi tutto

La misteriosa scomparsa dei consumi italiani al dettaglio

Economia & Mercato/Italia

Altro mese, altro dato italiano fortemente negativo e del tutto deviante rispetto agli altri paesi europei. Riguarda l’indice dei direttori acquisti di imprese al dettaglio, elaborato dalla società Markit. A luglio, mentre l’indice europeo risale, frenando la sua contrazione, e le due maggiori economie dell’Eurozona (Germania e Francia) sono in territorio espansivo, per l’Italia siamo allo sprofondo.

Leggi tutto

A noi ci ha fregato il liberismo, parola di Antonio Patuelli

Oggi su Il Mattino c’è un’intervista al presidente dell’Abi, Antonio Patuelli. Da essa, apprendiamo che le banche italiane soffrono più delle consorelle europee perché il nostro paese è troppo “liberista”, ed anche che “paghiamo il prezzo delle privatizzazioni”. Siamo in agosto, c’è il sole e fa caldo, ma certe cose riescono comunque a sorprenderci.

Leggi tutto

Non è finita sin quando è finita

Sul Corriere un articolo di Stefano Righi getta una luce sinistra sul panglossiano ottimismo che ha accolto il piano di “salvataggio” di MPS e conferma lo scetticismo di chi, come il vostro titolare, ha evidenziato la presenza di troppe “parti mobili” che devono andare al posto loro assegnato, prima di poter brindare allo scampato pericolo ed innalzare il “modello Montepaschi” agli onori del chiacchiericcio politico. Solo un personaggio, impavido, prosegue nella sua tecnica di televendita di ipotesi come fossero fatti compiuti, ma questo è problema secondario, al momento.

Leggi tutto

Debito e demografia, la tenaglia che rischia di stritolare il Giappone

di Mario Seminerio – Il Fatto Quotidiano

Contrariamente alle aspettative del mercato, venerdì scorso la banca centrale giapponese ha deciso di non aumentare la già straordinaria espansione monetaria in essere da circa tre anni, e che è parte della strategia nota come Abenomics, che prevedeva anche stimoli fiscali e riforme economiche dal lato dell’offerta, sui mercati dei prodotti e del lavoro. Il governatore Kuroda ha invece annunciato un aumento degli acquisti di Etf (strumenti legati a indici azionari), che passeranno da 3.300 a 6.000 miliardi di yen all’anno, pari al cambio attuale a poco più di 50 miliardi di euro.

Leggi tutto

Il sonno dei giornalisti genera le bugie di Renzi

Su Repubblica, intervista monologo di Matteo Renzi sullo scibile italiano. C’è anche il premio Lato B dell’anno (o del mese?), nella risposta all’allarme sui conti pubblici in presenza dell’ormai palese rallentamento congiunturale che interesserà il nostro paese più di altri, come da tradizione. Qui Renzi ripete una sua antica bugia, sperando di trasformarla in verità. L’intervistatore, come da altra consolidata tradizione italiana, non batte ciglio.

Leggi tutto

Lo stress test della Belva

Finale di stagione de I conti della Belva su Radio24, con una puntata interamente dedicata agli esiti degli stress test delle banche europee, ed all’ennesima manovra di “salvataggio” di MPS. Basterà? Quante incognite all’orizzonte? Quante ipotesi eroiche per arrivare in porto? È tutto qui, buon ascolto.

Il settimanale – 30/7/2016

Rassegna Stampa
Go to Top