Andrà molto peggio, prima di andare meglio

Tag archive

Beppe-Grillo

Datemi una leva negoziale, me la conficcherò nel piano B

in Economia & Mercato/Famous Last Quotes/Italia/Unione Europea

Poiché la funzione di reazione dei nostri partiti e movimenti è quella di produrre onde nello stagno, soprattutto in estate, quando il calore rincitrullisce ulteriormente un’opinione pubblica che mediamente è già di suo assai poco sveglia durante il resto dell’anno, che c’è di meglio di una bella sbraitata con bava alla bocca di ordinanza contro l’euro ed i tedeschi? Detto, fatto.

Leggi tutto

Tre palle, un euro

in Adotta Un Neurone/Economia & Mercato/Italia/Unione Europea

Con colpevole ritardo, vi segnaliamo una perla del comico che fa da guardiano del cancello del M5S. Probabilmente per impedire che soggetti sani di mente possano entrarvi e contaminarlo. Eravamo nell’ubriacatura del post referendum greco, quello che ha sedotto e abbandonato molti guitti politici italiani, dopo la radiosa scampagnata ateniese. E Grillo aveva già la ricetta per il dopo exit. Quello di massa, però.

Leggi tutto

Garantisti a cappi alterni

in Adotta Un Neurone/Famous Last Quotes/Italia

“Il Presidente del Consiglio ha scritto una norma che in sostanza comporta enormi vantaggi per i grandi evasori del nostro Paese” seguendo la logica del “più sei ricco e più evadi. Più evadi e più vale la pena evadere”. Lo scrive il blog di Beppe Grillo in un post in cui si ipotizza: “se dall’inchiesta della procura di Genova emergesse che il babbo di Renzi, oltre ad essere indagato per bancarotta fraudolenta, fosse coinvolto anche in evasione e frode fiscale? Nessun problema, a ricambiare il favore questa volta ci sta pensando la manina del figlio” (Ansa, 10 gennaio 2015)

“Premetto che Gino Paoli è mio amico” e “quindi potrei essere considerato poco obiettivo. Ma a questo gioco al massacro di una persona di 80 anni non pregiudicato, mai inquisito, per alcunché, che mi risulti, io non ci sto! I cittadini sono diventati vittime sacrificali, mostri da sbattere in prima pagina senza che possano difendersi”. Così Beppe Grillo sul suo blog dove precisa: “Io non ho ‘mosso i miei’ contro Gino Paoli. Aspetto la magistratura prima di emettere qualunque giudizio, alla faccia degli sciacalli dell’informazione” (Ansa, 20 febbraio 2015)

Leggi tutto

Che la Farsa sia con voi

in Adotta Un Neurone/Italia

Contrordine, cittadini: da oggi (anzi, da ieri) è ufficialmente nato il M5S del sorriso. Quello che parla sottovoce, prende un Maalox, si dice fiducioso nel futuro e pertanto assai paziente, forse smetterà pure di dare del ladro e del criminale fiancheggiatore a chi non lo vota. Insomma, siamo nell’era dell’irenismo consapevole.

Leggi tutto

Luddismo e stampanti

in Adotta Un Neurone/Economia & Mercato/Famous Last Quotes/Italia

Sempre più affascinante. Restano alcuni piccolissimi salti quantici di logica. Del tipo: blocchiamo la crescita della produttività, quindi? Cerchiamo di trovarle una sbocco via export? Ah, no, non possiamo, perché applichiamo dazi e quei cattivoni ce li ritorcono contro. E quindi, il reddito di cittadinanza è a termine (per affrontare le riconversioni produttive e le riqualificazioni professionali), o permanente, per “godersi il tempo libero ed i figli”? (cit.)? E se è permanente, come finanziarlo? Aspettate, non rispondete.

«La crescita distrugge posti di lavoro con l’aumento della produttività. Per questo dobbiamo prepararci col reddito di cittadinanza» (Beppe Grillo, comizio a Bari, 7 maggio 2014)

Una repubblica democratica fondata sulle stampanti

in Adotta Un Neurone/Economia & Mercato/Famous Last Quotes/Italia

L’innamoramento degli italiani per le stampanti tocca nuove e sublimi vette:

«Il modo di produrre e di finanziare [sic] il lavoro per i prossimi vent’anni sarà completamente diverso. (…) Oggi le stampanti 3D costano 50.000 dollari, sono nei comuni degli Stati Uniti ed i cittadini vanno lì, prendono un file della cosa che si vogliono costruire, lo mettono nella stampante e si costruiscono quello che vogliono. Dalla canoa, alla dentiera, alla casa. Fanno le case di cento metri quadri con le stampanti. Con un terzo di energia, un terzo di materiale, un terzo di manodopera. Questo è il futuro che c’è già. Allora non servono grandi cantieri, grandi industrie, grandi industrie di carbone, il carbon coke, le ciminiere. E’ finito, quel mondo lì. Ecco perché io voglio salvare le persone, perché non ci saranno più quei lavori lì» – Beppe Grillo, intervista a SkyTg24, 4 maggio 2014.

Il gatto, la volpe, il Grillo

in Adotta Un Neurone/Economia & Mercato/Famous Last Quotes/Italia

Poiché ogni giorno ha la propria ricetta magica ed il proprio proiettile di finto argento per sanare la sofferenza del Popolo, è con crescente stanchezza che vi segnaliamo un frammento di produzione legislativa del M5S, ovviamente solo affidato agli atti (della Camera) ma che, se attuato, avrebbe nientemeno evitato gli scontri di sabato a Roma al corteo dei “movimenti per il diritto alla casa”.

Leggi tutto

Il sovrano dei gonzi – 2

in Adotta Un Neurone/Economia & Mercato/Famous Last Quotes/Italia

Oggi sul blog di Beppe Grillo c’è un post che canta le lodi degli eurobond. Ma non è per questo motivo che ve lo segnaliamo bensì perché in esso sono contenuti “concetti” che sono un purissimo distillato di follia: siamo in pratica alle colonne d’Ercole dell’ignoranza, nella terra incognita dove la malafede politica incrocia il delirio.

Leggi tutto

Il settimanale – 1/2/2014

in Rassegna Stampa/Video

Leggi tutto

Il sovrano dei gonzi

in Adotta Un Neurone/Economia & Mercato/Esteri/Famous Last Quotes/Italia

“Dobbiamo fare come Correa (il presidente dell’Ecuador, ndr) che ha detto ‘il debito che abbiamo contratto non lo paghiamo perché è immorale'”. Così scolpì il comico in servizio permanente effettivo Beppe Grillo alla Stampa Estera a Roma sul Fiscal Compact.
“Il Brasile gli ha detto non ti lascio solo, lo stesso hanno fatto Venezuela, Argentina, Bolivia. Si sono aiutati! E ora Correa scrive un articolo nel quale spiega che l’Ue è nella situazione in cui erano i Paesi sudamericani”. Come spesso gli capita, Grillo parla di argomenti che non padroneggia.

Leggi tutto

Grillusconi e la pentola d’oro

in Adotta Un Neurone/Economia & Mercato/Famous Last Quotes/Italia

In Italia esistono due Grandi Affabulatori. Entrambi hanno una concezione piuttosto peculiare delle dinamiche democratiche. Uno denuncia sbraitando che in Europa “sta arrivando il fascismo” (che tra le altre caratteristiche ha o dovrebbe avere l’eliminazione del pluralismo partitico), ma al contempo vuole il 51% dei voti, perché non intende fare coalizione con nessuno. L’altro sono vent’anni che subisce scissioni ma prosegue imperterrito a chiedere agli elettori di dargli il 51%, mentre ad ogni elezione crea liste civetta e a questo giro ha pure deciso che l’odiato brand Popolo delle Libertà servirà per il rassemblement del centrodestra (appena andato in frantumi per mano dell’ex concierge Angelino) alle prossime elezioni.

Leggi tutto

La stele di Grilletta

in Adotta Un Neurone/Economia & Mercato/Famous Last Quotes/Italia/Unione Europea

Intervista di Beppe Grillo a Bloomberg Businessweek. Alcune cose risapute, altre ribadite. Qualche reticenza di troppo, su criticità non esattamente minori del nostro futuro come comunità nazionale. Nel complesso, Grillo conferma agli osservatori esteri che il nostro paese ha la febbre alta, e che alcune figure sul nostro palcoscenico politico sono null’altro che questo: il sintomo di una malattia in aggravamento, tanto maggiore quanto più il loro seguito elettorale cresce, per evidente disperazione oltre che congenita propensione alla credulità dell’elettorato italiano.

Leggi tutto

Omeopatia della miseria

in Adotta Un Neurone/Economia & Mercato/Famous Last Quotes/Italia

Scrive Beppe Grillo, nelle sue ormai compulsive esternazioni che inducono anche noi ad essere altrettanto ripetitivi nell’analisi, che siamo come nel 1992, anzi peggio (è vero), che presto il premier Enrico Letta finirà col fare quello che, in quell’anno sciagurato, fece Giuliano Amato. Anzi, oggi sarà peggio (vero, il rischio c’è, e non è basso). Rischiamo prelievi forzosi e quant’altro, che in precedenza Grillo aveva identificato in una maxi-patrimoniale. Quindi, par di capire, Grillo invoca azione, per evitare simili esiti, giusto? Non esattamente.

Leggi tutto

Centro di grevità permanente

in Adotta Un Neurone/Economia & Mercato/Famous Last Quotes/Italia

Aveva cominciato molto bene, molto tempo addietro, con l’eccellente metafora del termometro. Unica sbavatura, la rodomontata della quantificazione del risparmio da tipico cacciaballe da bar:

«La Borsa italiana va a picco e il rischio sull’acquisto dei nostri titoli di Stato aumenta. Di chi è la colpa? Cosa c’è dietro? Le responsabili sono le agenzie di rating, come la Fitch, che fotografano la situazione. La colpa della febbre del nostro debito pubblico è quindi del termometro. Il debito italiano si avvia ai 2.000 miliardi con 100 miliardi di interessi da pagare nel 2012. La colpa è delle agenzie? Di un complotto internazionale? Lo Stato spende più di quanto incassa e il debito aumenta a colpi di 100 miliardi all’anno. Nel solo mese di aprile del 2011 vi sono stati 22 miliardi di nuovo debito. L’unica manovra da attuare, per evitare il default, è quella dei tagli sui costi inutili, ad esempio i finanziamenti ai giornali e ai partiti e il taglio delle Province. Si arriverebbe subito a 100 miliardi di risparmio, ma non avverrà» – (Beppe Grillo, 11 luglio 2011)

Leggi tutto

Un default, presto. Grillo lo vuole

in Adotta Un Neurone/Economia & Mercato/Famous Last Quotes/Italia/Unione Europea

Giorni addietro vi avevamo segnalato le lievi contraddizioni di Beppe Grillo sullo spinoso tema dello stock di debito pubblico, che il nostro eroe schiamazzante oggi è ansioso di sottoporre a default prima che “le banche tedesche e francesi” (sempre loro) ci costringano a ricomprarlo e poi a fare default. Da qui la richiesta di bussare all’odiato ESM per avere i soldi degli aiuti, anche se qualcuno dovrebbe informare Grillo che i default, in tali erogazioni, non sono necessariamente contemplati, semmai il contrario. Ma passi. Ieri il Nostro ha allargato l’orizzonte, con un post talmente infarcito di inesattezze logico-fattuali da farci sospettare l’effettiva esistenza delle scie chimiche. Proviamo a segnalare questi sfondoni, uno ad uno. Non sarà facile, e sicuramente avrete di meglio da fare. A vostro rischio, quindi.

Leggi tutto

Go to Top