Andrà molto peggio, prima di andare meglio

Tag archive

Berlusconi - page 14

Ascolto consigliato

in Discussioni/Italia

La puntata del 6 luglio de “Il taccuino del dottor Agrò*, di Domenico Cacopardo (scrittore, conduttore radiofonico e magistrato del Consiglio di stato), su Radio24. Sui conflitti d’interesse coessenziali alla società politica italiana, anche e soprattutto a sinistra. Strano paese, quello che ritiene non vi sia nulla da eccepire alla nomina dell’ex presidente di un partito politico all’Autorità Garante della Privacy. Ancor più strano paese quello che possiede uno dei rapporti più elevati in Occidente tra numero di magistrati e cittadini, eppure il maggior volume di arretrato giudiziario.

Leggi tutto

Presidente, può ripetere?

in Adotta Un Neurone/Economia & Mercato/Italia

“La ratio della strategia applicata è molto semplice: è quella di ridurre entro il 2011 il nostro deficit, portandolo alla pari con le spese.” Disse il premier durante la presentazione della manovra finanziaria triennale. Ricordiamo che il deficit è uguale alla differenza tra spese ed entrate:

Deficit = Spese – Entrate

quindi il pareggio di bilancio implica che

Entrate = Spese

mentre nella berlusconomics il pareggio di bilancio diventa

Deficit = Spese

Urgono lezioni aggiuntive di economia, per colmare il debito formativo. L’estate sarà un periodo propizio.

Vorrei ma non posso

in Italia

I primi passi del governo Berlusconi-quater rappresentano un tentativo di aumentare il “tasso di rendimento” del sistema politico-amministrativo italiano. In altri termini, cercano di aggirare gli ostacoli, i colli di bottiglia ed i formalismi che da sempre impediscono una trasmissione efficace ed efficiente al paese reale della volontà del legislatore. In alcuni casi questa trasmissione imperfetta e parziale è frutto di un sistema barocco di pesi e contrappesi, di eccesso di garantismo (più formale che sostanziale), di poteri di veto di cui dispongono le corporazioni che presidiano gli snodi del canale di trasmissione della legge. Gli esiti di frustrazione per l’impossibilità di vincere l’inerzia procedurale ed amministrativa portano così a tentativi di semplificare drasticamente la catena di comando e controllo, anche aggirando vincoli rigidi come quelli imposti dalla Costituzione.

Leggi tutto

Amici miei, liberisti immaginari

in Economia & Mercato/Italia

Negli ultimi due giorni abbiamo letto elogi sperticati del Cav., nella sua nuova veste di statista quieto e dialogante con l’opposizione. Ieri abbiamo sentito il neo-ministro per l’Attuazione del Programma, Gianfranco Rotondi, a Ballarò, parlare di nascita della “Terza Repubblica”, quella in cui è ufficialmente cessata la pregiudiziale antiberlusconiana da parte dell’opposizione parlamentare. O di parte di essa, visto che Di Pietro ha deciso di perseguire pervicacemente la sua strategia di nicchia grillesca, e finora il mercato elettorale gli ha dato ragione, aumentando significativamente il suo “fatturato politico”. Si dice anche che Berlusconi abbia una squadra di ghost-writer che gli distilla il comune sentire degli italiani.

Leggi tutto

“Riprendiamo il lavoro”

in Italia

Il governo Berlusconi-quater ha giurato. Permetteteci di citare (solo per una volta) l’ex presidente di Confindustria, Montezemolo: “come sempre, noi giudichiamo i governi sui singoli provvedimenti”. Cercheremo di farlo anche noi, si parva licet.

Ritorno al futuro

in Italia

Ha vinto il Popolo della Libertà. Anzi no, ha vinto la Lega Nord. Il PdL è risultato la sostanziale sommatoria del peso elettorale di Forza Italia e Alleanza Nazionale, mentre il Carroccio incassa il risultato di una profonda e radicata incazzatura del Nord, la ormai celebre “questione settentrionale” che il presidente Napolitano considera “retorica futile e dannosa”. Alla Lega ora chiediamo di dimostrare nei fatti che il federalismo non è la prosecuzione dello statalismo con altri mezzi.

Leggi tutto

Non guardarmi, non ti sento

in Italia

Premessa: Silvio Berlusconi ha un impressionante track record di fraintendimenti. In alcuni casi se li va a cercare scientificamente, con rodomontate che è poi costretto a rettificare nel giro di poche ore. Noi, ad esempio, ogni volta che il Cavaliere parla di Alitalia somatizziamo sotto forma di orticaria, ma questa è una trascurabile notazione personale. In altri casi invece, sono gli avversari politici di Berlusconi (con immancabile assist giornalistico) a scegliere di fraintendere. Oggi abbiamo avuto un esempio della seconda specie di fraintendimento.

Leggi tutto

Facciamo progressi

in Economia & Mercato/Italia

“E’ un’eredità difficile che assumiamo, ma siamo molto preoccupati”, disse Silvio Berlusconi a commento delle previsioni sul dimezzamento della crescita italiana. Che poi, al tirar delle somme, non sarà dimezzamento ma azzeramento. Sia lode a TPS che lo scorso autunno, a crisi dei subprime già ampiamente iniziata, si presentò da Almunia con un percorso di rientro del rapporto deficit-pil con un worst case scenario di crescita pari all’1 per cento. Non contento, riuscì poi a confermare tale scenario, assumendolo come centrale, lo scorso gennaio. Non che ci volessero capacità divinatorie per intuire il drastico peggioramento della congiuntura internazionale, ma tant’è, i modelli tardavano.

Leggi tutto

Liberale, alza la voce

in Economia & Mercato/Italia

Questa digressione statalista [di Berlusconi su Alitalia “compagnia di bandiera” da difendere, ndPh.] ha messo in imbarazzo i liberisti di area pidiellina. Silenzi tattici (alla vigilia della presentazione delle liste, Daniele Capezzone è muto), scarse tracce alitaliane nel sito Tocqueville, che ospita prevalentemente blogger lib, notizia seminascosta dal Giornale (undici righe undici), il quotidiano che nei giorni scorsi, alla vigilia della presentazione del programma, aveva fatto campagna preventiva contro la minaccia di una piattaforma non liberista. Giavazzi, che era stato pessimista sul programma del Pdl, dice: “Secondo me, la spinta liberalizzatrice in realtà non l’hanno mai avuta, i liberali sono stati spesso silenziati. In fondo l’unica norma liberista della scorsa legislatura fu la legge Biagi, per il resto il centrodestra è stato vittima delle lobby. Pensavo che dopo due anni di opposizione ci sarebbe stata una riflessione, sbagliavo. Quanto al programma, leggo di dazi e quote, che servono a difendere le imprese che non ce l’hanno fatta, e non quelle che hanno vinto la loro sfida”. (Il Foglio)

Bipartitismo all’italiana

in Italia

La scelta di Walter Veltroni di far correre il Pd da solo ha impresso un discreto dinamismo al pietrificato sistema partitico italiano, a riprova del fatto che i sistemi elettorali sono condizione necessaria ma non sufficiente per innescare il cambiamento. Veltroni necessitava di prendere le distanze dall’implosione del governo Prodi (salvaguardandone al contempo alcune leggende metropolitane, come quella sulla redistribuzione), e la scelta di recidere il legame con la sinistra massimalista per recuperare consensi al centro appariva pressoché ineludibile. Non sappiamo se Veltroni abbia già scontato la sconfitta elettorale di aprile, motivo per il quale suo unico obiettivo strategico diverrebbe il superamento (col maggior scarto possibile) dell’asticella di quel 30 per cento di consenso elettorale che rappresenta la somma di Ds e Margherita. Quello che è certo è che il vincitore si troverà a dover gestire un quadro economico fortemente deteriorato dal clima pre-recessivo che si respira nell’emisfero occidentale.

Leggi tutto

Franza o Spagna o Alemagna

in Famous Last Quotes/Italia

“Tornare al sistema tedesco vuol dire buttare all’aria il bipolarismo introdotto in Italia anche grazie a me e alla mia forza politica” (Silvio Berlusconi, 1 marzo 2007)

“A questo punto siamo convinti che bisogna andare verso un sistema proporzionale alla tedesca” (Silvio Berlusconi, 19 novembre 2007)

“Io non ho parlato di sistema tedesco, anche se lo considero una delle soluzioni possibili, insieme a quello spagnolo, che fra l’altro a mio giudizio è semplice e più adatto alla situazione italiana. Ad ogni modo dei metodi si può discutere”. (Silvio Berlusconi, 27 novembre 2007)

E’ online il blog del Referendum elettorale

in Italia

Lo trovate a questo indirizzo. E oggi trovate anche l’analisi di Giovanni Guzzetta sulla mossa di Silvio Berlusconi:

“Veltroni e Berlusconi sono pertanto di fronte ad una enorme responsabilità. Il loro dialogo è fondamentale per determinare gli scenari futuri. Se avranno coraggio potranno trovare un accordo per salvare il bipolarismo e semplificare la politica italiana con una legge elettorale che consenta a ciascuno dei grandi partiti di competere per il governo senza il ricatto di coalizioni rissose e inconcludenti.
Se prevarrà la paura di perdere e la paura della competizione vera, sceglieranno una legge elettorale che non faccia vincere nessuno, ma anche non lo faccia perdere. Un sistema nel quale l’esito delle elezioni sia un pari e patta, che restituisce ai partiti lo scettro del potere di fare e disfare i governi dopo le elezioni.”

Per parte nostra, segnaliamo che Veltroni parla dell’importanza di intervenire anche sui regolamenti parlamentari. Mancano dettagli operativi, ma se si riferisce all’adozione di misure per impedire la proliferazione post-elezioni dei gruppi parlamentari, ne saremmo oltremodo lieti e segneremmo un punto a suo favore.

A pensar male si fa peccato

in Italia

Dunque, al processo d’appello SME il Cav. è stato assolto dall’accusa di corruzione in atti giudiziari, per i 434 mila dollari che da un conto Fininvest sono finiti al giudice Squillante attraverso Cesare Previti, “per non aver commesso il fatto”. Per l’altra accusa, i 100 milioni di lire passati dal conto di Pietro Barilla al giudice Squillante, i giudici hanno confermato l’assoluzione, come in primo grado, “perché il fatto non sussiste”. La Procura Generale di Milano, lo scorso, 26 marzo, aveva chiesto per Berlusconi 5 anni di reclusione. Tralasciamo gli undici (diconsi undici) anni di stillicidio politico-mediatico, accuratamente dosato in corrispondenza dei passaggi-chiave di questo iter giudiziario. Tralasciamo anche il denaro dei contribuenti sacrificato sull’altare della divinità nota come “obbligatorietà dell’azione penale“. Oggi, oltre a Berlusconi ed ai suoi legali, gioisce la sinistra manettara, che riesce a suffragare la propria tesi della magistratura retta da perfetti meccanismi di checks and balances, e quindi non bisognosa di riforma alcuna.

Leggi tutto

Allineati e coperti

in Italia

E’ un vero peccato che il presidente del Consiglio abbia trovato solo a tre settimane dal voto l’energia e la veemenza che avrebbe dovuto utilizzare nell’ultimo quinquennio, soprattutto verso i dorotei e i neo-socialisti che infestano la fu-CdL. Ma è interessante analizzare la varietà di reazioni alla requisitoria berlusconiana di ieri. Colto di sorpresa dalla salva di fischi indirizzati dalla platea verso Diego Della Valle, oggi l’establishment confindustriale (che è cosa assai diversa dalla base degli associati) ha replicato con un duro comunicato ufficiale alla performance di ieri. Dopo una trentina di ore di elaborazione, ecco il purissimo distillato di terzismo posticcio: Leggi tutto

Di che stiamo parlando?

in Italia

Che è successo realmente ieri sera? Gli indecisi sono stati convinti? Si sono verificati spostamenti significativi nelle intenzioni di voto? Noi pensiamo di no. Quindi non sprecheremo tempo a discutere di chi ha vinto, con quale punteggio, cosa non ha funzionato e cosa si. Solo qualche considerazione spicciola: Prodi ha usato ossessivamente l’aggettivo “serio” ed il sostantivo “serietà”: è stato coerente con i suoi cartelloni 6X3 che si possono ammirare in giro per l’Italia. Ha rifiutato pervicacemente di fornire dati, previsioni e stime, accusando invece Berlusconi di prodursi in un diluvio di cifre. Ha terminato centrando l’appello finale sulle emozioni, addirittura sul concetto di “felicità”, forse perché di recente deve aver dato una rapida scorsa alla costituzione americana. Ha reiterato il mantra secondo il quale non c’è vita fuori dall’Onu, ad uso di quanti fanno il tifo per dittatori e terroristi assortiti, spingendosi di fatto ad argomentare che con l’Iran bisogna andarci cauti, non tanto perché tra pochi anni disporrà di missili a lunga gittata a testata nucleare, ma “perché hanno il petrolio”. Berlusconi, oltre a tentare di farsi in casa i diagrammi di Rohrschach, è stato stranamente lineare ed argomentativo, ma continua a non rispondere alla domanda principale della legislatura: come recuperare competitività e permetterere al prodotto interno lordo di seminare quell’avvilente numero zero che da tanto, troppo tempo lo segue come un’ombra? Eppure, la risposta potrebbe ottenerla in pochi secondi, se fosse il liberista che dice di essere, e non il capo di una coalizione prigioniera delle “clientele minute”. A differenza di Prodi, che è il capo (puramente nominale e rigorosamente a termine) di una coalizione eterodiretta dagli unici e veri poteri forti di questo paese.
Una nota sugli intervistatori: il direttore del Messaggero ci è sembrato appena sufficiente, mentre Marcello Sorgi è stato la vera rivelazione della serata: espressivo come una sequoia, arguto quasi quanto una casalinga di Voghera. E poi li chiamano “editorialisti”.

Per fortuna, l’Inter si è qualificata.

1 12 13 14
Go to Top