Andrà molto peggio, prima di andare meglio

Tag archive

Debito pubblico - page 3

Escandescenze e dura realtà

in Economia & Mercato/Famous Last Quotes/Italia

Pubblicato oggi dalla Banca d’Italia il dato sullo stock di debito delle amministrazioni pubbliche, giunto ad aprile a 2.194,5 miliardi, con un aumento di circa 10 miliardi sul mese precedente. In queste circostanze, parte il raptus di politici di opposizione scarsamente alfabetizzati che si stracciano le vesti ed inveiscono contro il governo pro tempore, accusato di lassismo fiscale. Oggi questo stucchevole teatrino ha trovato la forte reazione del ministro dell’Economia, Pier Carlo Padon, che ha ricordato una regoletta di base.

Leggi tutto

DEF, ipotesi di lavoro

in Economia & Mercato/Italia

In attesa della ufficializzazione al consiglio dei ministri di questa sera, e basandoci sui numeri del documento governativo pubblicato da lavoce.info, possiamo tentare di valutare a spanne quanto sono realistiche le ipotesi su congiuntura e conti pubblici per il prossimo biennio. Soprattutto, non può non caderci l’occhio su un dato, che il governo Renzi pare essersi già felicemente speso, per tentare di scongiurare le clausole di salvaguardia 2016.

Leggi tutto

Cospirazione derivata

in Economia & Mercato/Italia

Oggi, nel corso di una audizione in Commissione Finanze alla Camera, la responsabile della Direzione Debito Pubblico del Tesoro, Maria Cannata, ha fatto il punto sul cosiddetto mark-to-market dei derivati in portafoglio a via XX Settembre, cioè la valorizzazione di utili e perdite in caso le posizioni fossero chiuse oggi. Il dato finale è nel complesso rassicurante, e tra poco vedremo il perché. Anche se siamo certi che i complottardi in servizio permanente effettivo troveranno il modo di gridare allo scandalo.

Leggi tutto

Non inalate le scie chimiche

in Adotta Un Neurone/Economia & Mercato/Famous Last Quotes/Italia/Video

In caso vi fosse sfuggito (cosa assai probabile, vista l’ora), ecco il giudizio del sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, sul debito pubblico italiano e sul servizio di tale debito. Secondo De Magistris,

«Sul debito pubblico accumulato, noi paghiamo gli interessi alle banche, che talvolta arrivano al 27%»

Prego? Se avessi avuto la possibilità di intervenire lo avrei chiesto all’interessato ma, come ormai ben sapete, così non usa nei talk politici italiani.

Leggi tutto

Orgoglio, pregiudizio e amnesie

in Adotta Un Neurone/Discussioni/Economia & Mercato/Italia

Il Tesoro italiano ha recentemente realizzato una campagna social, hashtag incluso, per confutare alcuni luoghi comuni economici sul nostro paese. Se la campagna, bilingue, si può considerare nel complesso ben realizzata, qualche dubbio sorge sulle sue finalità, in particolare sulla identificazione dei destinatari ultimi di questo messaggio, e sulla presenza di alcune amnesie che ne minano alla radice la robustezza argomentativa.

Leggi tutto

Un paese sull’orlo di una crisi di isteresi

in Discussioni/Economia & Mercato/Italia/Unione Europea

(Post tecnico, fors’anche tecnocratico, in realtà ferocemente politico. Pare che le due dimensioni siano compenetrate, ma non ditelo a Renzi)

Esiste, in Italia, una tendenza tanto radicata quanto diffusa a lamentare complotti e manovre esterni volti a danneggiarci e a tenerci sotto tutela permanente, propedeutica al sacco del paese. Analizziamo un paio di circostanze, relative alla sfera europea, in cui l’Italia sembra in effetti fortemente penalizzata, e tentiamo di capirne di più.

Leggi tutto

Convertibili sulla via di Babele

in Economia & Mercato/Italia

Oggi sul Corriere c’è un pezzo di Federico De Rosa che, partendo dal fiato ormai cortissimo delle cosiddette privatizzazioni (anche considerando che Francesco Caio ha già detto in tutte le lingue che Poste non sarà pronta alla quotazione a fine 2014), dà conto di una proposta all’esame del Tesoro, relativa ad Enel ed Eni. Controparte dell’operazione, l’immancabile dea ex machina Cassa Depositi e Prestiti, a cui pare che Renzi abbia chiesto anche il famoso trenino elettrico di cui parliamo da tempo. Ma non tutto quadra, in questo “piano B”.

Leggi tutto

En attendant le sarchiapon

in Discussioni/Economia & Mercato/Italia/Unione Europea/Video

Puntata di Omnibus La7 del 6 luglio, condotta da Manuela Ferri. Interventi di Marco Conti, Andrea Del Monaco, Arturo Diaconale, Tobias Piller, Riccardo Realfonzo e del vostro titolare. Si parla delle grandi manovre intorno all’Italicum ed alle leggendarie riforme, quelle che ci permetteranno di raggiungere il sarchiapone della flessibilità nel percorso verso gli obiettivi fiscali europei.

Leggi tutto

Poche idee ma flessibilmente fisse

in Economia & Mercato/Famous Last Quotes/Italia/Unione Europea

Oggi sul Corriere c’è una intervista di Lorenzo Salvia al sottosegretario alla presidenza del consiglio, Graziano Delrio. In essa Delrio torna sul sarchiapone della flessibilità, con alcune idee confusamente chiare, una scarsa capacità di quantificare gli impatti di date misure e l’immortale ruminatura degli “euro union bond”: la proposta, vecchia di tre anni, di Romano Prodi ed Alberto Quadrio Curzio, riveduta e corretta. In peggio, se possibile.

Leggi tutto

Lucrezia Reichlin e l’utopia del default pianificato

in Discussioni/Economia & Mercato/Famous Last Quotes/Italia/Unione Europea

Su l’Espresso di questa settimana compare un’intervista a Lucrezia Reichlin, docente alla London Business School e già direttore generale della ricerca economica della Bce dal 2005 al 2008, in cui l’economista italiana rilancia l’esigenza di codificare un quadro istituzionale e legale europeo nell’eventualità che sia necessario ristrutturare il debito sovrano di un paese, nello specifico il nostro. Tema “necessario”, con innumerevoli difficoltà operative, politiche, esistenziali.

Leggi tutto

L’acquedotto della felicità

in Adotta Un Neurone/Economia & Mercato/Italia

Altro giorno, altra violenta colluttazione con la logica e la realtà in quello che pomposamente viene definito il “programma elettorale” del M5S. Oggi è il turno della richiesta di abolizione del pareggio di bilancio. E’ ormai chiaro che siamo di fronte ad un vero e proprio genere letterario che mescola vero, verosimile e fantasy.

Leggi tutto

Che fare della montagna di debito?

in Discussioni/Economia & Mercato/Famous Last Quotes/Unione Europea

Parlando davanti alla Commissione Affari Economici e Monetari del Parlamento europeo, il numero due della Bce, il portoghese Vitor Constancio, ha detto:

«Non si può aspettare di avere una crescita economica elevata come vent’anni fa per ridurre il debito nell’Unione europea»

Ottimo punto, avevamo anche noi il vago sospetto che, anche al netto della persistente stretta fiscale, la carenza di crescita sarà il tema (non solo europeo) dei prossimi anni.

Leggi tutto

Portogallo, dibattito sul (nostro) futuro

in Discussioni/Economia & Mercato/Esteri/Unione Europea

Mentre la periferia dell’Eurozona è ormai ebbra di un travolgente successo, grazie al crollo degli spread innescato dalla liquidità internazionale alla ricerca di rendimenti, che qualcuno (che peraltro nella vita sta sui mercati, quindi dovrebbe saperlo meglio di chiunque altro) qui da noi scambia per un successo domestico, in Portogallo nei prossimi giorni si terrà un dibattito parlamentare su cosa fare con un enorme stock di debito che appare sempre meno sostenibile.

Leggi tutto

Solidarietà vo cercando

in Discussioni/Economia & Mercato/Italia/Unione Europea

All’indomani dell’incontro tra Angela Merkel e Matteo Renzi, che ha avuto nulla di epocale e molto di routine, checché ne dica e scriva qualcuno, è opportuno fare il punto sullo stato dell’arte (illusionistica) che il nostro premier si trova a gestire. Con un paio di inferenze manco troppo sofisticate si giunge ad una conclusione piuttosto sconfortante: non abbiamo alleati in Europa.

Leggi tutto

Silvio, rimembri?

in Famous Last Quotes/Italia

Lo stile è quello:

«La Cassa Depositi e Prestiti (…) in 15 giorni permetterà di sbloccare i 60 miliardi che sono bloccati per i debiti della P.A». Lo ha detto il premier Matteo Renzi a Ballarò (Ansa, 25 febbraio 2014)

Sblocco «immediato e totale dei debiti della P.a.: 22 miliardi già pagati [dal governo Letta, ndPh.] e 68 miliardi che pagheremo entro luglio». Lo ha detto Matteo Renzi. Il Cdm ha dato via libera ad un Ddl che sarà poi seguito da un decreto, ha spiegato il premier (Ansa, 12 marzo 2014)

Non è che ci sia contraddizione, dopo tutto: lo “sblocco immediato” segna l’inizio della procedura, come quando si tagliano i nastri di bretelle autostradali che portano dritto verso una scarpata, o quando si inaugurano nuovi padiglioni di ospedali che non hanno ancora ottenuto l’agibilità. Però anche voi, sempre così fiscali! Il dubbio sorge spontaneo: che già non lo lascino lavorare?

Il sovrano dei gonzi – 2

in Adotta Un Neurone/Economia & Mercato/Famous Last Quotes/Italia

Oggi sul blog di Beppe Grillo c’è un post che canta le lodi degli eurobond. Ma non è per questo motivo che ve lo segnaliamo bensì perché in esso sono contenuti “concetti” che sono un purissimo distillato di follia: siamo in pratica alle colonne d’Ercole dell’ignoranza, nella terra incognita dove la malafede politica incrocia il delirio.

Leggi tutto

Go to Top