Andrà molto peggio, prima di andare meglio

Tag archive

Inflazione

Il ritorno dell’inflazione per ora è solo un’illusione

in Articoli/Economia & Mercato/Italia

di Mario Seminerio – Il Fatto Quotidiano

Nelle ultime settimane i rendimenti obbligazionari in Eurozona e negli Stati Uniti sono risaliti in misura piuttosto consistente, soprattutto di qua dell’Atlantico. Questo ha determinato alcuni effetti collaterali ampiamente prevedibili ed interrogativi circa la fine del “costo zero” per il denaro. Sia negli Stati Uniti che in Eurozona la crescita non è particolarmente vigorosa, se raffrontata al periodo ante crisi, ma probabilmente si tratta della “nuova normale”, cioè di economie che crescono strutturalmente meno.

Leggi tutto

Alibi cercansi per una non crescita

in Economia & Mercato/Italia

Pare che i nostri eroi abbiano scoperto che esistono quelli che economisti e banchieri centrali definiscono “rischi al ribasso” per la nostra crescita economica. Tuttavia, anziché andare a ricercarli nella congiuntura globale e nella reattività alla medesima da parte della nostra struttura economica, è iniziata la caccia allo shock negativo esterno. Ennesima versione di un autoinganno che col governo Renzi sta toccando vette inesplorate.

Leggi tutto

Argentina, indicizzati al fallimento

in Economia & Mercato/Esteri

All’approssimarsi delle elezioni nazionali e provinciali, in Argentina cresce l’arrendevolezza governativa a concedere aumenti salariali ai pubblici dipendenti. La circostanza è in sé piuttosto banale e non meritevole di menzione, se non fosse al contempo la spia del tasso di inflazione effettiva del paese ed occasione per l’esercizio di alcune piccole astuzie governative per ridurre il costo reale per le casse pubbliche. In un caso e nell’altro il rischio di tensioni sociali resta alto, e l’effetto deleterio sulle casse pubbliche argentine garantito.

Leggi tutto

Numeretti del giorno, edizione giapponese

in Adotta Un Neurone/Economia & Mercato/Esteri

Nel mese di ottobre, i guadagni monetari dei lavoratori giapponesi, inclusi straordinari e bonus (per i pochi che li ricevono, lavorando nelle grandi multinazionali) sono cresciuti dello 0,5% su base annua, minimo da otto mesi. I salari reali, cioè al netto dell’inflazione, sono invece in calo del 2,8% annuale, a causa dell’inflazione così pervicacemente perseguita dal governo Abe, prima con un deprezzamento monstre dello yen e poi con l’aumento dell’Iva dal 5 all’8%, dal primo aprile. Un grande successo, questa Abenomics, non c’è che dire. Anche perché a settembre la flessione reale dei salari su base annua era del 3%. La derivata seconda è il profumo della vita, anche in Giappone.

Inflazione emergente

in Economia & Mercato

Al mondo non esiste solo la disinflazione che volge in deflazione, quella che attualmente interessa i paesi sviluppati. C’è una parte del pianeta, e sono tutti paesi emergenti, che soffre di alta e crescente inflazione. Del fenomeno si è accorto anche il Fondo Monetario Internazionale, nel suo ultimo Global Financial Stability Report.

Leggi tutto

Recessioni fatte in casa, o della Tafazzinomics

in Economia & Mercato/Esteri

Il Financial Times segnala che le piccole e medie imprese giapponesi si troverebbero in condizioni congiunturali piuttosto problematiche, e questo avrebbe spinto il governo di Shinzo Abe a prendere posizione, con atti amministrativi e l’abituale moral suasion nei confronti delle grandi conglomerate, affinché “diano una mano”. Sono gli effetti collaterali della struttura produttiva di un paese la cui leadership politica era convinta di aver reinventato la ruota.

Leggi tutto

Giappone, ex paradiso dei pensionati

in Economia & Mercato/Esteri

Ieri il premier giapponese, Shinzo Abe, ha illustrato gli aggiornamenti alle linee guida della sua ormai mitologica “terza freccia”, quella delle riforme strutturali che dovrebbero liberalizzare molti ambiti di attività economica ed innalzare per questa via il potenziale di crescita dell’economia. Oggi arriva un’ulteriore indicazione da parte del ministro delle Finanze, Taro Aso, che riporta sulla terra il mito del Giappone stampatore di felicità.

Leggi tutto

Germania, Pasqua di disinflazione

in Economia & Mercato/Unione Europea

Ieri è stata pubblicata la stima preliminare dell’indice dei prezzi al consumo tedeschi per il mese di maggio. Come confermato anche dal dato di stamane per l’intera Eurozona, si è avuta una sorpresa negativa, con la variazione mensile in calo dello 0,1% calcolata sul paniere dell’Ufficio Statistico nazionale tedesco e dello 0,3% su base euro-armonizzata. Particolarmente affascinante la spiegazione, ancora una volta legata agli effetti della Pasqua “tardiva” di quest’anno rispetto allo scorso anno.

Leggi tutto

Venezuela, dollari o morte

in Economia & Mercato/Esteri

Sono stati di recente pubblicati i dati finali del Pil 2013 del Venezuela. Mostrano un incremento dell’1,3%, che farebbe la gioia di un governo europeo (prescindendo dalla fallacia che conta il raffronto col Pil potenziale, per capire se si sta realmente crescendo), ma si confronta con una crescita del 5,6% per il 2012. Il fatto è che l’economia venezuelana sta semplicemente disintegrandosi, e questa traiettoria non potrà che portare a rivolte sino al ciglio della guerra civile, ed oltre.

Leggi tutto

Euro-divergenze inquietanti

in Economia & Mercato/Italia/Unione Europea

I dati di febbraio sull’indice dei prezzi al consumo euro-armonizzati sembrano indicare l’emersione di una tendenza che, col senno di poi, appare persino banale. Ci sono paesi dell’Eurozona che sono in deflazione o stanno per entrarvi, ed altri che sembrano viaggiare verso la normalizzazione delle dinamiche di prezzo. Al primo gruppo appartengono i paesi in sofferenza macroeconomica. Purtroppo, tali paesi sono anche quelli col maggior rapporto di indebitamento, e questo è un problema molto serio.

Leggi tutto

Argentina, se si chiama aggiustamento un motivo c’è

in Adotta Un Neurone/Economia & Mercato/Esteri

Quello che vedrete in calce a questo post è l’andamento sulla borsa statunitense di YPF, la compagnia energetica che il governo argentino ha espropriato un paio di anni addietro agli spagnoli di Repsol, e che ora il governo di Cristina Kirchner sta tentando di riportare nel consesso degli investitori internazionali, per ottenere capitali stranieri necessari a sviluppare gli apparentemente enormi campi di shale del paese sudamericano. Ma un nuovo problemino è comparso all’orizzonte.

Leggi tutto

Venezuela, la svalutazione secretata

in Economia & Mercato/Esteri

Ieri l’altro Moody’s ha svalutato il rating sovrano del Venezuela in valuta locale ed estera, portandolo ad un orrido Caa1 e con outlook negativo, motivando la mossa con i “sempre più insostenibili sviluppi macroeconomici, un’inflazione fuori controllo ed un forte deprezzamento del cambio parallelo”. Non è l’assalto degli imperialisti ma la realtà che bussa alla porta. Il governo di Caracas risponde in modo ovviamente disfunzionale, ma la situazione è talmente compromessa che ogni tentativo di ritorno alla realtà sarà pagato a carissimo prezzo.

Leggi tutto

Deflazione, la nuova minaccia per l’Europa

in Articoli/Economia & Mercato/Italia/Unione Europea

di Mario Seminerio – Il Fatto Quotidiano

Il dato di inflazione per l’Eurozona mostra a ottobre una tendenza piuttosto preoccupante. Su base annuale, i prezzi al consumo sono cresciuti di solo lo 0,7 per cento, da 1,2 per cento di settembre. A una prima lettura si potrebbe imputare la frenata ai forti ribassi dei prezzi dell’energia, soprattutto della benzina, ma osservando meglio si scorgono alcuni guai in vista, soprattutto per paesi come il nostro.

Leggi tutto

La minaccia deflazionistica

in Economia & Mercato/Italia

Nel mese di ottobre, secondo la stima preliminare Eurostat, l’indice tendenziale dei prezzi al consumo in Eurozona dovrebbe situarsi allo 0,7%, da 1,1% di settembre. Per il nostro paese, atteso 0,7%, da 1,2% di settembre. Qualche considerazione molto spicciola, rinviando ad un momento successivo l’approfondimento.

Leggi tutto

Giappone, le variabili indipendenti. Dalla realtà

in Economia & Mercato/Esteri

(Questo è un post apparentemente e fintamente tecnico. In realtà è un post essenzialmente filosofico, che punta a mostrare quanto possa essere vendicativa l’economia, verso chi finge di ignorarne le “leggi”)

Prosegue la strana vicenda della Abenomics, il tentativo, da parte del premier giapponese Shinzo Abe, ti dare una scossa all’economia giapponese, e farla uscire definitivamente dalla deflazione che la attanaglia da molti anni. Quello che sta emergendo sempre più chiaramente, col trascorrere del tempo, è che la Abenomics rischia di essere l’ultimo chiodo alla bara del paese, oltre che (soprattutto) un gioco di puro illusionismo, e neppure di qualità particolarmente eccelsa.

Leggi tutto

Consumatori. Di luoghi comuni

in Adotta Un Neurone/Economia & Mercato/Italia

Oggi Istat comunica che l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, registra una variazione nulla rispetto al mese precedente e aumenta dell’1,1% nei confronti di aprile 2012, con una decelerazione di cinque decimi di punto percentuale rispetto alla variazione tendenziale registrata a marzo (+1,6%). E puntualmente, ecco le lamentazioni delle associazioni di consumatori, che continuano a perdere eccellenti opportunità per farsi una cultura economica ed evitare ogni volta di intasare le agenzie di stampa con comunicati pavloviani di stampo sovietico.

Leggi tutto

Go to Top