Visita <a href="http://www.liquida.it/" title="Notizie e opinioni dai blog italiani su Liquida">Liquida</a> e <a href="http://www.liquida.it/widget.liquida/" title="I widget di Liquida per il tuo blog">Widget</a>

Lavoro

Veloci, velocissimi, praticamente fermi

16 April 2014 Economia & Mercato

Come purtroppo noto da tempo, mentre siam qui a fantasticare su ammortizzatori sociali universali, la ricerca affannosa di fondi per rifinanziare per l’ennesima volta la cassa integrazione in deroga segna un pericoloso stallo. Oggi il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, ha di fatto esplicitato che si va verso un razionamento delle risorse. Sarà interessante capire […]

La terra promessa nel paese degli equivoci

11 April 2014 Discussioni

Oggi sui giornali compaiono due interviste al ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, che spiegano in modo piuttosto efficace lo stato di non altissima lucidità della nostra classe politica (e dell’esecutivo) di fronte agli spasmi del mercato del lavoro. Perché le grandi riforme continuano ad essere bloccate da interventi che preservano la frammentazione, mentre si continua […]

Quanto costano rigidità e mancanza di credibilità

31 March 2014 Discussioni

(post lievemente tecnico: per sfuggire a questi inutili sofismi ci si può sempre dedicare alla riforma del Senato) Su lavoce.info, un’analisi di Stefano Fantacone, Petya Garalova e Carlo Milani su una previsione della Ue relativa alla nostra disoccupazione, destinata a penalizzarci pesantemente in termini di rispetto di obiettivi fiscali. Quando l’economia diventa massimamente politica, accadono […]

Il Faraone di Scandinavia e la precarietà tutelata

31 March 2014 Discussioni

Ieri su l’Unità è comparsa una interessante intervista al responsabile Welfare del Pd, Davide Faraone, renziano puro e duro. L’interesse deriva dai termini utilizzati e dai concetti espressi. Decisamente ci sfugge qualcosa, del masterplan del premier.

Poletti e il cacciavite

25 March 2014 Economia & Mercato

Oggi audizione in Commissione Lavoro alla Camera del ministro Giuliano Poletti. Il quale ha ricordato a tutti, e forse soprattutto al suo premier, che il mondo resta un luogo molto complesso e prevalentemente ostile, che siamo e restiamo in una profonda crisi fiscale, che le riforme “a costo zero” continuano a non esistere. Ed al […]

Irpef, Irap e grembo di Giove

11 March 2014 Discussioni

In attesa del D-Day di domani, ferve il dibattito su quale delle due tasse sia meglio tagliare: Irap o Irpef? Ci sono pro e contro, iniziano pure ad emergere alcuni numeri da simulazioni, ma la verità è che ci sono tali e tante variabili in gioco da rendere l’esercizio di divinazione poco più che un […]

La coperta corta dei dichiararchi

10 March 2014 Economia & Mercato

L’annuncio del premier Matteo Renzi che mercoledì ci sarà “la riduzione delle tasse” per 10 miliardi ha prodotto alcuni effetti caratteristici sulla nostra addestratissima dichiarazia. Da un lato la grande attesa per l’Evento sta determinando una sorta di animazione sospesa, con qualche notevole eccezione come il nostro Angelino che sta già salivando copiosamente nel fortino. […]

A piccoli passi, verso la realtà

25 February 2014 Economia & Mercato

Oggi registriamo le dichiarazioni di buonsenso del responsabile economico del Pd, Filippo Taddei, sugli obiettivi di riduzione del cuneo fiscale, lato impresa e lato lavoratori. Sono numeri realistici e teoricamente conseguibili, che tuttavia iniziano ad usare la campanella di fine della ricreazione delle promesse elettorali.

Serracchiani e le tasse ad personam

5 February 2014 Adotta Un Neurone

Bizzarra proposta fiscale del governatore (governatrice? Governatoressa? Governatora?) del Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, in audizione in Commissione Industria del Senato. Occasione per qualche riflessione a più vasto raggio sulla crisi italiana e sulla drammatica penuria di risorse di welfare che ci attanaglia tutti, mentre guardiamo i teatrini televisivi in cui ci mostrano rutilanti reportage […]

Dall’Electrolux alla Turchia, sola andata

29 January 2014 Discussioni

La decisione della banca centrale turca, che alla mezzanotte locale di ieri ha alzato in modo brutale tutta la struttura di tassi ufficiali, è solo l’inizio di un percorso di sofferenza per i paesi emergenti, che finirà con l’avere contraccolpi anche dalle nostre parti.