Andrà molto peggio, prima di andare meglio

Tag archive

Mercati-finanziari

Per Carlo Messina la diversificazione degli investimenti è un errore

in Economia & Mercato/Famous Last Quotes/Italia

Immaginate di avere un portafoglio titoli in cui un singolo investimento arrivi a pesare un terzo. Sareste a vostro agio, con un assetto del genere, oppure vi verrebbe fatto di pensare che forse si tratta di un portafoglio squilibrato, anche se questo maxi investimento sta al momento andando bene? E che vi aspettate possa dirvi il vostro consulente di risparmio, spesso un bancario alle prese con l’angustia di fare il suo budget, e piazzarvi prodotti di risparmio carissimi e poco trasparenti? In astratto, dovrebbe dirvi che un portafoglio del genere è troppo squilibrato, che serve diversificazione, non mettere tutte le uova nello stesso paniere.

Leggi tutto

Valutare il patrimonio è un’arte, non una scienza: chiedere alle coop

in Economia & Mercato/Italia

Oggi la Stampa in apertura di giornale si è meritoriamente dedicata non al solito chiacchiericcio romano ma a qualcosa di ben più tangibile: i guai finanziari del sistema cooperativo italiano. E lo ha fatto per mano di un suo bravissimo giornalista, Gianluca Paolucci, protagonista settimane addietro di una invasiva perquisizione ordinata dalla magistratura su denuncia di Unipol per presunta violazione del segreto istruttorio, e terminata con le scuse del procuratore capo di Torino, Armando Spataro. Questa volta Paolucci si dedica ad un tema complesso, ma fondamentale: la valutazione del capitale azionario nell’ambito di quello che è a tutti gli effetti un sistema di scatole cinesi.

Leggi tutto

Derivati del Tesoro, quando la copertura è contromano in autostrada

in Economia & Mercato/Italia

Oggi sul Sole trovate un’inchiesta di Morya Longo su un tema che da anni arruffa le penne del dibattito politico sulla finanza pubblica italiana: quanto ci sono costati i “famigerati” derivati accesi nel corso degli anni dal Tesoro, con l’obiettivo dichiarato e comune anche agli altri paesi di ridurre dinamicamente il costo del debito pubblico? Longo ha usato la comparazione omogenea sulla base dati Eurostat, ed il risultato è effettivamente desolante.

Leggi tutto

Preavviso di burrasca

in Economia & Mercato/Italia

La giornata di ieri, sui mercati finanziari, è stata anomala, sotto molti aspetti. Gli attivi italiani martellati, a partire dai Btp, con spread sul Bund in allargamento di una decina di punti base; questo è il tradizionale veicolo di contagio che si estende in tempo reale alle quotazioni delle banche, stante il legame banco-sovrano che continua a piagare il nostro paese. Ma ieri i volumi sui mercati erano pressoché natalizi, per il contemporaneo bank holiday sulle due maggiori piazze finanziarie mondiali, Londra e New York.

Leggi tutto

Bolle dallo stagno italiano

in Economia & Mercato/Italia

Sul Sole di ieri è comparso una tabella riepilogativa dell’offerta “pre-impacchettata” di Piani individuali di risparmio da parte di banche e reti. Come noto, i Pir offrono la possibilità di godere di esenzione fiscale investendo per un quinquennio in azioni e debito di piccole e medie imprese italiane. I dati confermano i timori qui espressi, tempo addietro: un crescente rischio di predazione da parte degli intermediari ma anche e soprattutto un effetto liquidità che pone le basi per una bolla speculativa.

Leggi tutto

La fossa di sistema

in Economia & Mercato/Italia

Sui quotidiani oggi trovate, tre le altre cose, la notizia dei conti trimestrali di Generali. O meglio, non esattamente la notizia dei conti trimestrali bensì quella dei grandi propositi del Leone triestino. Ad esempio, che la compagnia punta entro il 2020 a fantasmagorici obiettivi di redditività e masse gestite nell’asset management, per crescita interna. Nelle pieghe del bilancio, c’è però anche una notiziola spicciola, di quelle che di solito è meglio tenere nelle retrovie.

Leggi tutto

Lo specchio rotto di Vegas

in Economia & Mercato/Famous Last Quotes/Italia

Oggi si è tenuto l’incontro annuale del presidente della Consob con i mercati finanziari, che rappresenta (fatte le debite proporzioni), l’equivalente delle “Considerazioni finali” del governatore della Banca d’Italia. Questo è il settimo ed ultimo anno della guida di Giuseppe Vegas, il quale anche a questo giro non ha perso l’occasione per lanciarsi in una serie di pregevoli offtopic, su temi ed argomenti che con la sua Autorità c’entrano assai poco.

Leggi tutto

L’italianità e la pancia piena. Di Btp

in Economia & Mercato/Italia

Mentre attendiamo di sapere se Intesa lancerà l’assalto finale a Generali, malgrado i presagi di sventura sull’aggregazione che spirano forti dalle parti del Financial Times, ricordiamo una delle frasi con cui parte della nostra stampa ha accolto la notizia del probabile takeover del Leone triestino: “Generali ha in pancia settanta miliardi di Btp!”. Sì, e quindi? Qualcuno ha raccontato, aneddoticamente, di come tempo addietro una aggregazione tra società di gestione del risparmio fosse saltata perché la parte estera chiedeva a quella italiana di ridurre drasticamente il peso dei Btp in portafoglio. Questa pare un’amena idiozia, nel senso che una Sgr non dovrebbe avere un eccesso di titoli di stato in portafoglio, se solo seguisse benchmark globali. Ma non divaghiamo. Difendere l’italianità di Generali, tra le altre cose, per quei 70 miliardi? In che senso?

Leggi tutto

La rischiosa scommessa dei mercati: puntare su Trump senza credergli

in Articoli/Economia & Mercato/Esteri/Stati-Uniti

Dietro i record di Wall Street la fiducia nel programma del presidente, ma non si prende sul serio il suo protezionismo

di Mario Seminerio – Il Fatto Quotidiano

Come è possibile avere contemporaneamente alla Casa Bianca un uomo che passa il tempo lanciando virulenti proclami protezionistici e mercati finanziari di tutto il mondo che crescono come se fossimo entrati in una nuova era di libero scambio e globalizzazione rampante, con la ciliegina sulla torta della “soglia 20.000” dell’indice Dow Jones? È quello che molti osservatori ed investitori si chiedono, dopo i rialzi successivi all’elezione di Donald Trump, lo scorso 9 novembre.

Leggi tutto

Piani individuali di risparmio, la meravigliosa legge della capitalizzazione composta

in Economia & Mercato/Italia

Sulla urgente necessità di educazione finanziaria per gli italiani, nessuno ha più nulla da obiettare. Ma non parliamo solo di arrivare a capire natura, struttura e rischi delle obbligazioni subordinate, ed evitare bail-in e burden sharing. No, parliamo delle leggendarie “basi” dell’investimento. Ad esempio, la diversificazione del rischio e, ancora più a monte, una cosetta chiamata capitalizzazione composta. Casca a fagiolo quindi un post molto informativo e formativo di Nicola Borri per lavoce.info.

Leggi tutto

Deutsche Bank, la malata d’Europa. Che riuscirà a curarsi

in Economia & Mercato/Esteri

Per la prima banca tedesca, Deutsche Bank, il momento della resa dei conti sembra avvicinarsi. L’ultima di una lunga serie di gocce avvelenate è stata la richiesta del Dipartimento di Giustizia statunitense di una sanzione da 14 miliardi di dollari per frode legata a vendita inappropriata (misselling) di mutui. La banca tedesca ha una serie di problemi esistenziali, tra cui la propria missione, tra banca commerciale e banca d’investimento, ed un carico di contenziosi il cui petitum eccede ampiamente quanto sinora accantonato. La sorte del sistema bancario tedesco, e di DB in particolare, è seguita in Italia con singolare attenzione, sia per una classica Schadenfreude che per l’assai poco segreta ma del tutto irrazionale speranza che, presto o tardi, DB riceva aiuti di stato e che ciò apra la strada anche da noi ad una bella cascata di soldi pubblici (che non ci sono, ma sono dettagli) su un sistema bancario sinistramente scricchiolante, da MPS in giù. Sono speranze molto italiane, cioè miopi ed irrazionali.

Leggi tutto

La sindrome cinese dell’Abi

in Discussioni/Economia & Mercato/Italia

Da alcuni giorni è in corso una singolare campagna, orchestrata dalla Associazione bancaria italiana col supporto del quotidiano dei vescovi italiani, Avvenire. Il punto è così riassumibile: fermate la speculazione sulle banche italiane causata, tra le altre cose, da innovazioni tecnologiche quali il trading algoritmico. Affascinante tesi, che punta sull’hi-tech e sulle imperfezioni del mercato e non sul complotto banalotto di cui leggiamo da sempre. L’esito finale cambia poco, però: siamo sempre impegnati a scalare con le unghie la ormai tradizionale parete di vetro, per non voler vedere altro.

Leggi tutto

I patrioti della banca perduta

in Adotta Un Neurone/Economia & Mercato/Italia

Da qualche tempo, su un settimanale di mercati finanziari e sul corrispondente quotidiano, edito dallo stesso gruppo editoriale, è in corso una singolare campagna “patriottica” a favore delle nostre banche. Gli ingredienti sono i soliti: il complotto dello Straniero, in particolare della Commissione Ue asservita ai tedeschi, e la “speculazione” internazionale che prende di mira i nostri istituti di credito, mettendoli in ginocchio. Nulla di inedito, molto di agostano: alla fine, in un modo o nell’altro, le pagine vanno imbrattate di inchiostro, senza tregua.

Leggi tutto

A noi ci ha fregato il liberismo, parola di Antonio Patuelli

in Adotta Un Neurone/Economia & Mercato/Famous Last Quotes/Italia

Oggi su Il Mattino c’è un’intervista al presidente dell’Abi, Antonio Patuelli. Da essa, apprendiamo che le banche italiane soffrono più delle consorelle europee perché il nostro paese è troppo “liberista”, ed anche che “paghiamo il prezzo delle privatizzazioni”. Siamo in agosto, c’è il sole e fa caldo, ma certe cose riescono comunque a sorprenderci.

Leggi tutto

Fermate il mondo ed alzate i tassi, la Germania vuole scendere

in Economia & Mercato/Esteri/Unione Europea

Nel suo editoriale settimanale sul Financial Times, Wolfgang Munchau riconduce l’intemerata di Wolfgang Schaeuble contro la politica monetaria non convenzionale della Bce di Mario Draghi alla pressione che i tassi negativi esercitano sui bilanci di banche ed assicurazioni, che come noto sono l’architrave del sistema finanziario tedesco. Anche di quello italiano, a dire il vero, ma sono dettagli che a breve analizzeremo.

Leggi tutto

Ignorare per deliberare

in Adotta Un Neurone/Economia & Mercato/Italia

Continua il calvario percorso parlamentare della cosiddetta legge sulla concorrenza, quella che in astratto dovrebbe aumentare il benessere dei consumatori. Almeno quella sarebbe l’idea, pur con tutte le limitazioni ed i caveat del caso, in un paese economicamente analfabeta, patria del socialismo surreale e divorato dai conflitti d’interesse. Ieri, tra le altre cose, si è deciso che i consumatori-risparmiatori italiani devono essere protetti dalla realtà. Passiamo il tempo a dire le peggiori cose possibili del nostro legislatore ma siamo degli ingrati, questa è la verità.

Leggi tutto

La grande sconfitta delle banche centrali

in Discussioni/Economia & Mercato

I violenti spasmi dei mercati azionari, e segnatamente del settore più sistemico che esista, quello delle banche, sembrano indicare che, contrariamente a quanto anche da noi sempre pensato sin qui, le banche centrali siano ormai diventate le prime vittime dei loro passati successi. O meglio che, dopo aver vinto molte battaglie, stiano per perdere la guerra.

Leggi tutto

Federal Reserve, l’oracolo muto che non rassicura i mercati globali

in Articoli/Economia & Mercato/Esteri

di Mario Seminerio – Il Fatto Quotidiano

La riunione della Federal Reserve del 27 gennaio è terminata con un comunicato in cui, in modo piuttosto anomalo rispetto alla prassi, non sono state fornite valutazioni sui rischi di scenario, cioè sulla direzione verso cui la Banca centrale Usa vede evolvere la congiuntura nel breve periodo. Questa circostanza ha aumentato l’incertezza sui mercati finanziari, che da inizio anno sono sottoposti a un martellamento ribassista che ha spinto alcuni osservatori a preconizzare una imminente deriva recessiva globale.

Leggi tutto

Partito democratico della correlazione spuria

in Adotta Un Neurone/Economia & Mercato/Famous Last Quotes/Italia

Da qualche giorno il Partito democratico ed il nostro vulcanico premier hanno deciso di tentare di confutare la palmare evidenza di una ripresa indotta in misura determinante da fattori esterni utilizzando un nuovo argomento: lo spread tra il rendimento del titolo di stato decennale italiano e quello spagnolo. Questa, a giudizio dei piddini, sarebbe la prova provata del fatto che l’Italia sta facendo di più e meglio di altri, a parità di congiuntura. Analizziamo anche questa (sospiro).

Leggi tutto

Go to Top