Andrà molto peggio, prima di andare meglio

Tag archive

Portogallo

Senza austerità i conti del Portogallo migliorano, ma c’è un po’ di doping

di Mario Seminerio – Il Fatto Quotidiano

Il Portogallo ha chiuso il 2016 con un rapporto deficit-Pil del 2,1%, il minore dalla caduta della dittatura, nel 1974. L’eclatante risultato pare dare ragione al governo monocolore socialista di Antonio Costa, che gode dell’appoggio esterno di comunisti, verdi e del Blocco di Sinistra, una composita maggioranza ribattezzata il “marchingegno” e che fa della lotta all’austerità il proprio obiettivo.

Leggi tutto

Novo Banco, vecchi guai

La good bank portoghese Novo Banco, nata dalle ceneri di Banco Espirito Santo (BES), e già al centro di un sisma causato dalla geniale idea della banca centrale portoghese di migliorarne i coefficienti patrimoniali trasferendo alcune sue obbligazioni senior alla bad bank di BES, continua a sanguinare perdite. E a non trovare acquirenti. Un presagio per analoghe vicende italiane?

Leggi tutto

Pentafulminati

Pare che oggi usi così, ben più di ieri: si dice una scemenza e la si ripete ossessivamente, sino a prendere la cosiddetta opinione pubblica per sfinimento o per distrazione. Come leggere altrimenti la lisergica rivendicazione del giovane talentuoso pentastellato candidato a-non-si-sa-bene-cosa, almeno sin quando l’alta direzione non lo rimetterà a cuccia?

Leggi tutto

Invidia debitorum, edizione portoghese

Ieri in tarda serata la banca centrale portoghese ha comunicato che Banco Internacional do Funchal (Banif), è stato posto in regime di risoluzione e diviso in una good bank, ceduta alla filiale portoghese degli spagnoli di Santander per 150 milioni di euro, ed una bad bank, con pesante partecipazione dei contribuenti portoghesi. L’intervento prevede una interessante variante dello schema adottato dall’Italia per risolvere le quattro banche.

Leggi tutto

Il fronte della sinistra e quello della realtà

In Portogallo il premier uscente, Pedro Passos Coelho, la cui lista aveva vinto le elezioni politiche ma senza ottenere la maggioranza, è stato sfiduciato dal voto del composito cartello delle sinistre, che sommate rappresentano la maggioranza del nuovo parlamento portoghese. Si va quindi verso un governo di sinistra, forse.

Leggi tutto

Il Portogallo sta peggio di quanto pensano i tifosi della Troika

di Mario Seminerio – Il Fatto Quotidiano

In Portogallo, le elezioni politiche hanno prodotto un esito che potrebbe alimentare instabilità, con la vittoria della coalizione di centrodestra del premier Pedro Passos Coelho, che tuttavia non raggiunge la maggioranza assoluta dei seggi, ed una opposizione eterogenea e difficilmente coalizzabile, che spazia dai socialisti, che restano sostanzialmente pro-austerità, pur se con correttivi, ad una sinistra anti sistema composta dai “tradizionali” comunisti e dall’incarnazione portoghese della sinistra anti-Troika, il Bloco de Esquerda, benedetto da Syriza e Podemos, che ha ottenuto il 10% dei voti. La prima lettura dell’esito elettorale ha rimarcato il “successo” di un governo pro-Troika, che ha ottenuto aiuti per 78 miliardi di euro ed attuato riforme dall’impatto sociale pesante. Un’analisi più approfondita mostra una situazione differente.

Leggi tutto

Scatole portoghesi

Con tanti auguri alla Asset Quality Review di Mario Draghi, ora che la struttura proprietaria del gruppo portoghese Espirito Santo si è disvelata (ma non è mai stata occulta) agli occhi degli investitori. A volte si ha l’impressione di essere immersi in un gioco demenzial-demoniaco.

Leggi tutto

Portogallo, dibattito sul (nostro) futuro

Mentre la periferia dell’Eurozona è ormai ebbra di un travolgente successo, grazie al crollo degli spread innescato dalla liquidità internazionale alla ricerca di rendimenti, che qualcuno (che peraltro nella vita sta sui mercati, quindi dovrebbe saperlo meglio di chiunque altro) qui da noi scambia per un successo domestico, in Portogallo nei prossimi giorni si terrà un dibattito parlamentare su cosa fare con un enorme stock di debito che appare sempre meno sostenibile.

Leggi tutto

I guasti dell’aggiustamento

Il capo missione del Fondo Monetario Internazionale, al termine dell’ultima “ispezione” in Portogallo, si è lasciato andare a considerazioni che paiono un ibrido tra le chiacchiere da salotto sul meteo e gli oroscopi di fine anno. Malgrado tutto, la realtà riesce ad emergere, sempre.

Leggi tutto

La Grande Destrutturazione

Da una segnalazione di Tyler Cowen, questo rapporto dell’International Labour Organization (ILO), l’agenzia Onu che si occupa di diritti del lavoro, mostra quello che accade al sistema delle relazioni  industriali in un paese in profonda crisi economica, caratterizzato da un tessuto prevalente di piccole e medie imprese, che cerca di dare una maggiore flessibilità al proprio mercato del lavoro. Utile a noi italiani per trarre inferenze domestiche.

Leggi tutto

Go to Top