Podcast: la settimana phastidiosa – 12 settembre 2020

I fatti più phastidiosi della settimana, tra cui uno, relativo ad una vicenda che si trascina senza soluzione di continuità da anni, aggrappata alle tasche dei contribuenti
  • Ecco il programma nazionale francese di ripresa e resilienza, attendendo quello italiano. Spoiler: non si inventa nulla, la pubblica amministrazione sarà decisiva nella implementazione delle misure previste;
  • La Banca d’Italia stima l’impatto del Recovery Fund sulla nostra crescita. Sotto ipotesi pressoché eroiche, vista la storia di questo paese;
  • Nuovo reality italiano: i consigli di zia Paola, anello di congiunzione tra un Pd ed un grillino;
  • Dalla curva di Laffer al moltiplicatore keynesiano, sino al pozzo del deficit a cui “attingere”, la politica (non solo italiana) ha scoperto come combattere entropia, trade-off e problemi di copertura finanziaria. Ma poi arrivò Conte
  • Il governo Johnson ipotizza di disattendere il trattato di ritiro dalla Ue, firmato undici mesi addietro. Sino a che punto si spingerà, questa farsa negoziale? E perché la Ue insiste sul piano di gioco livellato?
  • Alla ricerca di una missione strategicamente pubblica per MPS, ecco l’illuminazione: potrebbe diventare polo aggregante o aggregato di crediti deteriorati. E qui l’expertise esiste, in effetti;
  • Mi pare imprescindibile che la nostra classe dirigente, prima di ogni altra velleità, debba imparare ad usare i device;
  • Abbiamo inventato la low-costola;

Questa settimana, il podcast racconta la psichedelica vicenda Alitalia, col piano industriale fantasma e la newco che non esiste ma è sempre imminente. Buon ascolto.

Nota di servizio ad uso degli ascoltatori: il Phastidio Podcast è disponibile su numerose piattaforme tra cui SpotifyGoogle PodcastApple Podcast. Il feed originale, da aggiungere agli aggregatori, è questo.

Sostieni Phastidio!

Dona per contribuire ai costi di questo sito: lavoriamo per offrirti sempre maggiore qualità di contenuti e tecnologie d'avanguardia per una fruizione ottimale, da desktop e mobile.
  • Per donare con PayPal, clicca qui. Oppure, richiedi il codice IBAN. Vuoi usare la carta di credito per donazioni una tantum o ricorrenti? Ora puoi!
  • Share via
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
    Send this to a friend