La Casa Bianca e i dilemmi di un paese a rischio declino

di Mario Seminerio – Libertiamo All’indomani della storica sconfitta Democratica in Massachusetts (ma dallo staff della Casa Bianca giurano che non c’è legame), Barack Obama ha annunciato di voler fare la faccia feroce contro le banche, bloccandone il gigantismo e tentando addirittura di ridimensionarle. L’annuncio, come nello stile obamiano, è stato particolarmente eclatante sul piano della retorica e degli effetti …

Leggi tutto

Berlusconi e Tremonti: sulle tasse, indietro tutta. Il ’94 è lontano anni luce

di Mario Seminerio – Libertiamo Ora che ci siamo lasciati alle spalle (molto più rapidamente che in passato) l’ennesima suggestione di una riduzione della pressione fiscale, è opportuno compiere alcune riflessioni su questo tema carsico, che ipnotizza gli italiani da ormai oltre un quindicennio. Il dato ormai acquisito è che questa maggioranza di centrodestra non ha il “coraggio” per procedere …

Leggi tutto

“2010: l’anno che vorrei…” – E quello che invece verrà

di Mario Seminerio – Libertiamo In quest’anno appena iniziato è verosimile non attendersi cambiamenti epocali, per l’Italia. Siamo all’ennesima ripetizione di schemi e scenari già visti, con marginali variazioni sul tema, negli ultimi tre lustri o giù di lì, dalla morte apparente della cosiddetta Prima Repubblica. Sul piano delle riforme, dopo l’occasione persa nel 2006, quando il referendum confermativo bocciò …

Leggi tutto

Perché Brunetta ha (in parte) ragione

di Mario Seminerio – Libertiamo Dell’intervista di Renato Brunetta a Fausto Carioti è rimasto l’abituale frastuono delle ondate di sdegno, questa volta contro l’affermazione del ministro riguardo l’articolo 1 della Costituzione. A noi non è chiaro perché la frase “l’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro” non significhi nulla. Il significato resta, una volta attualizzato nel senso di sfrondarlo …

Leggi tutto

Dal mercato del lavoro cattive notizie. Sbagliato minimizzare

di Mario Seminerio – Libertiamo La rilevazione trimestrale sulle forze di lavoro, pubblicata dall’Istat lo scorso 17 dicembre, ha evidenziato che nel terzo trimestre il numero di occupati si è ridotto su base annua di 508.000 unità, il 2,2 per cento, con un calo destagionalizzato dello 0,5 per cento sul secondo trimestre. In occasione della pubblicazione dei dati trimestrali, Istat …

Leggi tutto

Dopo la crisi: per la sostenibilità fiscale serviranno comunque più tasse?

di Mario Seminerio – Libertiamo Mercoledì il governo irlandese ha presentato la manovra di bilancio per il 2010 del paese europeo finora più colpito dalla crisi finanziaria globale. E’ utile analizzare da vicino gli interventi previsti dal governo di Dublino perché il prossimo anno si presenta come particolarmente impegnativo per i governi, che dovranno tentare di recuperare un sentiero di …

Leggi tutto

In nome del popolo sovrano contro le autorità di mercato? Un déjà vu statalista

di Mario Seminerio – Libertiamo Al crescere della complessità e della varietà degli stati del mondo, la classe politica si trova a disagio nella capacità di risposta alle problematiche, intesa sia come efficacia ed efficienza nella elaborazione di politiche pubbliche, sia come comunicazione ai cittadini delle azioni intraprese e da intraprendere. Di fronte alla frustrazione rispetto all’incapacità a gestire situazioni …

Leggi tutto

Dopo Dubai: i mercati parlano a Dublino affinché Roma intenda?

di Mario Seminerio – Libertiamo Nei giorni scorsi Simon Johnson, ex capo economista del Fondo Monetario Internazionale, ha evidenziato l’apparentemente strana correlazione tra i timori di crisi sistemica suscitati dal crescente rischio di insolvenza di una entità finanziaria del Dubai a controllo pubblico e il rischio di credito percepito su alcuni stati sovrani particolarmente colpiti dalla crisi finanziaria globale, come …

Leggi tutto

Resta aggiornato!

Iscriviti alla nostra mailing list e ricevi gli aggiornamenti nella tua casella email

Grazie! Riceverai una mail di conferma. In caso non avvenisse, ricordati di guardare anche nella cartella antispam

Uh-oh, qualcosa è andato storto!

Send this to a friend