Belgio, arrivano governo e guai

E così, dopo diciotto lunghissimi mesi, il Belgio pare possa tornare ad avere un governo nella pienezza delle proprie funzioni. L’accordo prevede maggiore autonomia delle regioni (Vallonia, Fiandre e Bruxelles) in ambito di fisco, sanità e protezione civile. In attesa che il paese giunga al suo esito “naturale”, la disintegrazione (che tale accordo potrà decisivamente contribuire a raggiungere),  giunge al …

Leggi tutto

Causalità anarco-capitalistiche

Sempre della serie correlation doesn’t imply causation, presentiamo qui sotto un’utilissima tabella, realizzata dal Financial Times su dati Crédit Suisse-Eurostat, che mostra la matrice dell’export dei paesi euro, intra- ed extra-Ue. Da essa si evince soprattutto un dato: il Belgio, per collocazione geografica, ha un intenso interscambio commerciale con Francia, Olanda e (soprattutto) Germania.

Forza Belgio?

A quanti pensano che l’assenza di un governo (o meglio, la presenza di un caretaker government, in carica per il disbrigo degli “affari correnti”, inclusi i bombardamenti sulla Libia) serva per avere un’economia tonica, segnaliamo che i rendimenti dei titoli governativi del Belgio si sono ormai sganciati dal “blocco tedesco”, e sono in piena deriva verso l’europeriferia, pur avendo un …

Leggi tutto

Send this to a friend