Carlo Panella, su l’Occidentale, spiega o meglio tenta di spiegare qualcosa che avrebbe a che fare con non meglio specificati problemi contabili relativi al bilancio di Roma. Non meglio specificati perché dalla seguente frase non si capisce granché:

Il bilancio del Comune di Roma è falso, alcune scritture contabili sono state alterate, sono state commesse irregolarità di rilevanza penale anche nella emissione dei bond: tutto questo è noto, di questo si parla da giorni sottovoce a Roma, ma la stampa tace.

Ora, di fronte ad un’apertura di pezzo così drammatica, con annessa denuncia di connivenze multiple, uno si aspetterebbe almeno una succinta descrizione dei fatti che hanno condotto a formulare una simile gravissima accusa. Invece, nell’articolo non c’è nulla di nulla.