I piccoli risparmiatori rimasti coinvolti nel crack Alitalia hanno deciso di intentare una causa civile, la cui prima udienza sarà il 13 ottobre, contro gli ex amministratori del vettore per falso in bilancio, irregolarità e “mala gestio“. Emolumenti, fissi e variabili, pari a multipli di quelli percepiti dai manager di altri vettori con i conti in ordine. Secondo i legali dei risparmiatori,

«Risulta chiaro come gli amministratori delegati, e lo stesso consiglio d’amministrazione, hanno sempre avuto interesse a conservare il proprio incarico con assoluta incuria di una sana e produttiva gestione della società»

Questo passaggio è interessante, perché accomuna le azioni di risparmiatori e manager in un unico alibi: la proprietà pubblica.