Il dilemma del prigioniero del credito

American Express pagherà un bonus di 300 dollari ai clienti che restituiranno la carta di credito Amex saldando entro il 30 aprile il debito residuo. L’idea è quella di spingere i debitori a “tirare” credito da altre carte e da altri programmi di credito al consumo, e ridurre l’esposizione ed il rischio di aumento delle insolvenze. In pratica, una forma …

Leggi tutto

Aziende d’azzardo

Pare che un altro degli effetti collaterali dell’eccesso di liquidità e credito in cui il mondo si è cullato negli ultimi anni sia l’aumentata propensione delle imprese non finanziarie a giocare con la finanza. Mentre in Polonia un numero crescente di aziende si dirige inesorabilmente verso il dissesto per aver speculato sul rialzo dello zloty contro euro (le cose sono …

Leggi tutto

Obama comincia a deludere

di Mario Seminerio – ©LiberoMercato Martedì scorso, sul Financial Times, è comparso un editoriale di Martin Wolf piuttosto preoccupato e critico nei confronti dei primi passi dell’Amministrazione Obama. Wolf si chiedeva: la presidenza Obama ha già fallito? Il sospetto si irrobustisce, osservando le prime decisioni “operative” o presunte tali del presidente: l’annuncio – con annessa faccia feroce – del tetto …

Leggi tutto

I cavoli a merenda

Intervenendo alla trasmissione di Radio24 “Parliamo con l’elefante”, il ministro dell’Economia Giulio Tremonti ha precisato il proprio pensiero riguardo l’eventuale necessità di una bad bank in Italia. “Il nostro problema non è quello degli altri paesi. Basti pensare che in Germania studiano l’ipotesi di nazionalizzare le banche attraverso l’esproprio” Inoltre, “in moltissimi paesi il sistema bancario si è retto su …

Leggi tutto

Nazionalizzare non solo il capitale, ma anche i manager

di Mario Seminerio – © LiberoMercato Nella giornata di lunedì il governo di Gordon Brown ha annunciato i dettagli del nuovo piano di salvataggio pubblico del sistema finanziario britannico. Londra ha così deciso di aumentare la propria partecipazione in Royal Bank of Scotland dal 50 a circa il 70 per cento, attraverso la conversione delle azioni privilegiate sottoscritte in ottobre, …

Leggi tutto

Sempre per chi ha fretta

Ancora una volta, Paul Krugman sembra avere ragione: non servono Bad Banks, sarebbe inutile. Occorre, nei casi di banche ormai insolventi in modo conclamato, procedere a nazionalizzazioni (temporanee, aggiungiamo noi) come alternativa al fallimento. Costerà meno ai contribuenti rispetto alle follie a cui stiamo assistendo in questi mesi; Sul declassamento di rating: per ora vengono colpiti i paesi che avevano …

Leggi tutto

Regno Unito verso la nazionalizzazione del sistema finanziario

Il governo del primo ministro Gordon Brown ha ulteriormente stretto la propria presa sul sistema finanziario britannico, garantendo gli attivi tossici e conferendo alla Bank of England il potere senza precedenti di acquistare titoli a fermo. Il piano aumenterà il costo del salvataggio del sistema bancario britannico di almeno 100 miliardi di sterline. Il governo ha deciso di aumentare la …

Leggi tutto

Send this to a friend