Secondo le elaborazioni di questo sito, General Electric (che fruisce, tramite GE Capital, dei fondi del TARP) aveva, al 31 dicembre scorso, un tangible common equity di 5 miliardi di dollari, 9 in meno del trimestre precedente. Ciò significa che il suo leverage, cioè il quoziente tra tangible assets e tangible common equity era giunto allo psichedelico valore di 140, da 54 che aveva al 30 settembre. General Electric oggi quota intorno a 11 dollari, che vuol dire un calo dell’81 per cento dal massimo storico di tutti i tempi, segnato nel 2000, e del 36 per cento da inizio anno.