La panglossiana omeostasi dello zio Alan

Nei giorni scorsi Alan Greenspan ha argomentato, sul Financial Times, contro i rischi della regolazione dei mercati finanziari attuali, caratterizzati da opacità ed interazioni complesse, del tipo “black box“. La predica, per sé, potrebbe anche essere condivisibile, se non fosse per il pulpito da cui proviene, che è quello di un personaggio che ha decisivamente contribuito alla crisi finanziaria in …

Leggi tutto

Toccatevi

«Stiamo finalmente iniziando a vedere i semi di un punto di minimo dell’industria immobiliare. Gli Stati Uniti sono sull’orlo di una importante liquidazione nello stock di immobili invenduti, che può aiutare a stabilizzare i prezzi»  – (Alan Greenspan, 12 maggio 2009); «Non so, ma penso che il peggio di questa situazione possa essere alle spalle» – (Alan Greenspan, Ottobre 2006); …

Leggi tutto

Revisionismo

Alan Greenspan realizza alfine che il sano egoismo degli agenti economici non è bastato ad impedire che finissimo nell’attuale voragine. Forse il sistema non è riuscito ad autoregolarsi: “Tutta la sofisticata matematica e le stregonerie da computer essenzialmente poggiavano su una premessa centrale: che l’illuminato egoismo di proprietari e manager delle istituzioni finanziarie li avrebbe condotti a conservare un sufficiente …

Leggi tutto

Tutto calcolato

“Con questi avanzamenti nella tecnologia, i prestatori si sono avvantaggiati dei modelli di credit-scoring ed altre tecniche per concedere credito in modo efficiente ad un più ampio spettro di consumatori. La diffusa adozione di questi modelli ha ridotto i costi di valutazione del merito di credito dei debitori, ed in mercati competitivi le riduzioni di costo tendono ad essere trasferite …

Leggi tutto

Quinte colonne

Alan Greenspan prende posizione sulla crisi di credito e solvibilità delle istituzioni finanziarie, ed approfitta dell’opportunità per rilanciare il suo manifesto pro-mercato: “We may not easily confront or accept the price dynamics of home and equity prices, but we can fend off cries of political despair which counsel the containment of competitive markets. It is essential that we do so. …

Leggi tutto

Somatizzazione

“[…] domenica 15 agosto 1971 squillò il telefono di casa: era Herb Stein, che allora era membro del Council of Economic Advisors di Nixon. «Chiamo da Camp David», disse. «Il presidente voleva che ti informassi che annuncerà alla nazione il controllo di prezzi e salari.» Quella sera è per me memorabile per due motivi: primo, per annunciare la nuova politica …

Leggi tutto

Greenspan, fu vera gloria?

Tra pochi giorni Alan Greenspan lascerà la Federal Reserve, che ha guidato negli ultimi 18 anni, durante i quali è stato indiscutibilmente l’uomo più potente del pianeta, almeno in ambito economico: i comunicati del Federal Open Market Committee, al termine della periodica riunione di determinazione dei tassi d’interesse, sono stati analizzati e scandagliati, sul piano sostanziale e linguistico, talvolta con …

Leggi tutto

Send this to a friend