Non è che Emma Bonino si sia dimessa. No, più precisamente

“Senza minacciare alcunché, dimissioni o altro, perché sia il presidente a decidere se il mio permanere al governo sia opportuno o comunque compatibile con le ragioni stesse per le quali abbiamo fin qui sostenuto e speriamo di continuare a fare il suo compito e il suo mandato, o se invece lo siano le posizioni conservatrici, quando non reazionarie della sinistra comunista e sindacale.”

Che tradotto dovrebbe voler dire: io non intendo dimettermi, anche perché appartengo ad un partito che non conta una cippa, numericamente e politicamente. Però.