Con o senza Fiat, per il futuro della Fabbrica Italia serve una vera riforma della contrattazione

di Mario Seminerio – Libertiamo Lo scorso 22 aprile, cioè il giorno dopo aver presentato il progetto “Fabbrica Italia”, l’amministratore delegato di Fiat, Sergio Marchionne, si esprimeva in questi termini su Mirafiori: «Il potenziamento di Mirafiori sarà incredibile, lì bisogna fare più di 200 mila vetture l’anno»

La polizza vita di Silvio

Proposta rivoluzionaria del Partito democratico: una addizionale Irpef biennale per quanti hanno un imponibile superiore ai 200.000 euro annui, per finanziare il prolungamento fino a due anni della cassa integrazione ordinaria. Bene, bravi, bis. Infatti è una replica della proposta dello scorso anno, segreteria Franceschini, che prevedeva un’addizionale per tutti i redditi superiori ai 150.000 euro annui (la soglia dei …

Leggi tutto

La trappola

Ieri, la Regione Toscana ha chiesto al governo altri 100 milioni di euro per la cassa integrazione. Lo stanziamento, come spiegato dall’assessore regionale al lavoro Gianfranco Simoncini in una lettera indirizzata al sottosegretario Pasquale Viespoli, dovrebbe servire a “fare fronte alle richieste dei prossimi tre mesi” e a “coprire il saldo negativo che è andato accumulandosi dopo l’esaurimento dei fondi …

Leggi tutto

Dove stanno i riformisti

L’ultima increspatura nello stagno della politica italiana è stata prodotta dall’inserimento, nel disegno di legge collegato sul lavoro, della norma che prevede la possibilità di ricorrere all’arbitro anziché al giudice, nella risoluzione di alcune controversie. Norma che è stata immediatamente letta, da Cgil e sinistra, come il tentativo di scardinare l’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori. Sul caso è stato …

Leggi tutto

Pensioni, perché il contratto unico serve

Su lavoce.info, Tito Boeri presenta una simulazione che illustra la falcidie che le pensioni dei lavoratori con alle spalle una storia di precariato sono destinati a subire. Partendo da diversi scenari di crescita, sempre intorno a quello che oggi appare il potenziale dell’economia italiana, cioè incrementi dell’1 per cento annuo del Pil, ed utilizzando i coefficienti di trasformazione in vigore …

Leggi tutto

A me gli occhi

Quando, tra alcuni decenni, storici, antropologi ed archeologi realizzeranno il post mortem dell’Italia, una cosa balzerà immediatamente agli occhi: la costante di una classe politica di ipnotizzatori, e di una cittadinanza ipnotizzata. Come definire altrimenti il caso di un ministro dell’Interno che, di fronte all’ennesimo scempio di legalità in una località del Mezzogiorno, il cui consiglio comunale è stato sciolto …

Leggi tutto

Resta aggiornato!

Iscriviti alla nostra mailing list e ricevi gli aggiornamento nella tua casella email

Ecco fatto!

Oh-oh, qualcosa è andato storto! Riproviamo?

Send this to a friend