Dum Romae consulitur

Puntata di ieri di Omnibus La7, condotta da Alessandra Sardoni con Francesco Boccia (Pd), Augusto Minzolini (Forza Italia), Vittorio Emanuele Parsi (Università Cattolica di Milano), Fabio Martini (La Stampa), Mario Adinolfi (La Croce) ed il vostro titolare. Si è parlato della minaccia libica e delle dichiarazioni interventiste di esponenti di governo e maggioranza.

Inviati per caso

Pare che alla CNN non conoscano la differenza tra Libia e Libano. Si conferma la tradizione di grande abilità geografica degli americani. Del resto, un tempo Ronald Reagan, scambiando un nostro diplomatico per greco gli disse, con tono comprensivo: “capisco che avete molti problemi con la Turchia”. Oggi la buona notizia è che Tripoli appare incredibilmente tranquilla, almeno quella sulla …

Leggi tutto

L’ostaggio

”Il clima è assolutamente sereno. Di fronte ad un’emergenza come la Libia che non era prevedibile e che non era nel programma su cui non è mai venuto meno l’accordo, abbiamo avuto posizioni lievemente differenti. Anche io non condividevo quella che è stata l’azione della coalizione dei volenterosi, solo che c’è stata una risoluzione Onu votata dalle commissioni congiunte Esteri …

Leggi tutto

Facevamo già abbastanza

Si, lo sappiamo: le circostanze cambiano, occorre essere pragmatici e realisti, eccetera. Però siamo sinceramente preoccupati per la “stampa amica” del premier, il cui compito è quello di fornire copertura ideologica a tutte le giravolte e le panzane in cui il Nostro si esibisce quotidianamente.

Il mio massacro è differente

Gli Stati Uniti ed i loro alleati hanno dovuto assumere un’azione militare in Libia per evitare un massacro di civili che avrebbe «macchiato la coscienza del mondo. (…) «Alcune nazioni riescono a chiudere un occhio davanti alle atrocità commesse in altri paesi. Gli Stati Uniti d’America sono differenti» – Barack Obama, 29 marzo 2011 Sure. Bisognerebbe cercare di capire quale è la …

Leggi tutto

Minzolibici

«In nome di Dio onnipotente io ti prometto, mio Caro Leader, che sacrificherò il mio ultimo respiro, il mio ultimo proiettile, la mia ultima goccia di sangue, l’ultimo neonato e bambino per te»

Send this to a friend