Lentamente, dopo l’insediamento del suo esecutivo e la sostituzione del recalcitrante governatore della banca centrale, il neo presidente argentino, Mauricio Macri, sta dirigendo il paese verso l’appuntamento con la realtà. Le prime mosse sono tanto coerenti quanto inevitabili. In attesa che si scopra che è comunque “colpa del liberismo”.