“La temperatura in italia è aumentata quattro volte in più che nel resto del mondo: 1,4 gradi negli ultimi 50 anni mentre la media mondiale è di 0,7 gradi nell’intero secolo”.

Così il ministro dell’Ambiente, Alfonso Pecoraro Scanio, all’apertura della dilapidazione di fondi pubblici nota come conferenza nazionale sull’ambiente, in corso a Roma. Non conosciamo la fonte dei dati sulle temperature, ma riteniamo che se fossero avanzati alcune migliaia di euro del budget per pagare un matematico, forse Pecoraro avrebbe potuto constatare che non di quadruplicamento si tratterebbe, bensì di raddoppio. Nel frattempo, l’amministratore delegato di Enel, Fulvio Conti, si sente sufficientemente forte (nuova tessera del Pd?) per attaccare Pecoraro sulla politica energetica, con un’immagine natalizia che ha già talmente colpito i giovanotti di SkyTg24 da indurli a dire che questo inverno resteremo “al freddo e al gelo”.