Pare che l’Iraq stia diventando uno stato di dipendenti pubblici, e non solo per l’eredità socialista di Saddam Hussein:

«Il ruolo guida del governo nell’occupazione significa che esso stabilisce i salari e controlla il mercato del lavoro. Molti di questi lavoratori non hanno una reale posizione, ed esistono per mantenere il sostegno ai partiti politici e tenere la gente lontano dalle strade nel tentativo di controllare disordini sociali»

“Credo che una seria riflessione sul ‘Piano Casa’ dopo quello che è successo a Messina serva alla Regione ma serva anche ai Comuni che prima di aggredire il verde nel nome della esigenza abitativa debbano riflettere sul dramma ambientale complessivo che tutto richiede tranne che nuovi tentativi di sacchi edilizi sul territorio”.  A parlare in questi termini non è il fratello siculo di Pecoraro Scanio bensì il senatore Carlo Vizzini, pidiellino tendenza Forza Italia, ex reperto socialdemocratico della Prima Repubblica (cioè del partito che era riuscito ad equiparare, nell’immaginario collettivo italiano, il termine socialdemocrazia ad un epiteto), oggi presidente della Commissione Affari Costituzionali del Senato, commentando il blocco del piano casa in Sicilia annunciato dal presidente della Regione, Raffaele Lombardo.