Di presidenti e spese

Riguardo questo grafico, pubblicato giorni addietro sul New York Times, alcuni lettori ci hanno chiesto il motivo dell’assenza, tra le spese imputate a Barack Obama, delle operazioni militari tuttora in corso, quali Iraq ed Afghanistan. Per spiegare meglio questo punto (ed altri) può essere utile partire da uno strafalcione sesquipedale, compiuto sulla rete da qualcuno che si definisce (yawn) libertarian.

Che serve per porre fine allo psicodramma del debito americano

«In primo luogo, i tagli di tasse di Bush hanno avuto un enorme effetto negativo. Se scadessero tutti come previsto, alla fine del 2012, i futuri deficit sarebbero all’incirca dimezzati, a livelli sostenibili. In secondo luogo, un bilancio in salute richiede un’economia in salute; le recessioni creano danni riducendo il gettito fiscale. Il governo deve stimolare la domanda e creare …

Leggi

A voi Romani

«Un aumento dello spread tra Btp e Bund di qualche punto [sic] non mi sembra un segnale di particolare allarme». Lo ha affermato il lobbysta di Mediaset ministro dello Sviluppo economico, Paolo Romani, a margine dell’assemblea di Confesercenti. Il primo impulso, leggendo quest’Ansa, sarebbe quello di esibirsi in un campionario di insulti ed imprecazioni da fare arrossire un camallo. Ragionando …

Leggi

Sarkò si arrende alla patrimoniale

Non è facile ‘affamare la bestia’ di Mario Seminerio – Libertiamo Alla fine, Nicolas Sarkozy ha capitolato, dietro pressione della sua maggioranza parlamentare. Lo scudo fiscale, che tanto aveva solleticato la fantasia del centrodestra italiano e dei suoi supporter, viene eliminato. Per contro, la patrimoniale (Impôt de Solidarité sur la Fortune, ISF), non viene soppressa, come invece auspicava Sarkozy, ma …

Leggi

‘Partita di raggiro’. Tremonti confisca il Tfr e nasconde il debito

di Mario Seminerio – Libertiamo Il 25 novembre 2005  il governo Berlusconi approvò la riforma della previdenza complementare, che regola la destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr) ai fondi pensione complementari, tramite il meccanismo del silenzio-assenso in base al quale, dal primo gennaio 2007, il lavoratore dipendente deve scegliere se mantenere il Tfr nella sua forma attuale oppure destinarlo alla costruzione …

Leggi

Chi paga i tagli di Obama

di Mario Seminerio – Il Fatto Quotidiano Nei giorni scorsi Barack Obama ha presentato il progetto di bilancio federale da 3700 miliardi di dollari che dovrebbe ridurre il deficit statunitense di 1100 miliardi di dollari in un decennio. Il piano è già stato considerato insufficiente dai Repubblicani, i quali tuttavia restano su posizioni molto ambigue riguardo le aree in cui …

Leggi

Nel magico mondo di Milleproroghe

Tra le altre perle rinvenute nelle pieghe del Milleproroghe, segnaliamo che il 6 aprile diverrà la giornata delle vittime del terremoto dell’Aquila e anche di tutte le vittime degli eventi sismici e delle calamità naturali che hanno colpito l’Italia, inclusa Ruby. Sarà festa ma si lavorerà, per non urtare la suscettibilità di Confindustria e tentare di raggiungere il famoso 1,5 …

Leggi