I risultati dell’autopsia, pubblicati mercoledì, dovrebbero suscitare un lieve imbarazzo in tutti gli agitatori ed i politici che hanno starnazzato nel doloroso caso di Terri Schiavo e del suo diritto a morire. Non è stata trovata prova delle nequizie che sono state attribuite al marito di Terri, ed è stato accertato che il suo cervello non aveva alcuna speranza di recupero. Le innumerevoli corti chiamate a pronunciarsi avevano quindi ragione a concludere che alla donna dovesse essere consentito morire dopo 15 anni di un persistente stato vegetativo senza speranza di ripresa. L’autopsia e le ampie investigazioni compiute dai medici legali della Florida lasciano inevitabilmente aperte alcune questioni. Ma l’esito dell’indagine lascia pochi dubbi in merito al fatto che la morte di Terri sia stata il pietoso esito di questo tragico caso.