Le banche italiane scalciano la lattina e il bond

Ieri Unicredit ha emesso un bond per 3 miliardi di dollari, a mezzo collocamento privato (si dice che l’acquirente possa essere l’asset manager Pimco), ad un costo che conferma, se mai ve ne fosse bisogno, che le nostre banche stanno pagando carissimo il governo degli scappati di casa gialloverdi. E che quindi sarà l’economia italiana, fortemente bancocentrica, a pagare il …

Leggi tutto

Creare malore

Cose che potete leggere nel documento di registrazione dell’aumento di capitale da 13 miliardi di Unicredit, prossimo a partire. Questi documenti hanno per scopo la segnalazione cruda e brutale dei rischi a cui l’offerente potrebbe andare incontro in uno scenario avverso. Una specie di bugiardino di un farmaco, dove alla sezione “effetti collaterali” potete leggere di tutto, dalla celeberrima “secchezza …

Leggi tutto

Pomicino, Unicredit e la maledizione dell’Articolo Quinto

Ieri, sul Fatto, è apparsa una letterina dell’ex ministro andreottiano del Bilancio, Paolo Cirino Pomicino, che mette in guardia sui “rischi” di un complottone francese che avrebbe il proprio pivot (per restare linguisticamente in tema) in Unicredit e nella sua maxi ricapitalizzazione. Ah, il cospirazionismo, genere letterario preferito dai nostri connazionali e dal loro ingravescente vittimismo. Eppure, basterebbe guardare quelle inquietanti …

Leggi tutto

Affondati

I mercati tendono a distrarsi, a volte. Prendete l’azionario italiano che, come noto, ha un pesante bias sui titoli bancari e che, dopo una calma molto relativa nelle ultime settimane, ieri è stato colto dal panico, dopo che Unicredit ha annunciato i termini della sua ricapitalizzazione. Sono termini molto onerosi per gli azionisti esistenti, le fondazioni. Alcune delle quali stanno per …

Leggi tutto

Resta aggiornato!

Iscriviti alla nostra mailing list e ricevi gli aggiornamenti nella tua casella email

Grazie! Riceverai una mail di conferma. In caso non avvenisse, ricordati di guardare anche nella cartella antispam

Uh-oh, qualcosa è andato storto!

Send this to a friend