Andrà molto peggio, prima di andare meglio

Che mangino sovranità

in Adotta Un Neurone/Economia & Mercato/Esteri/Unione Europea

A quasi un anno e mezzo dal referendum, e ad altrettanto dal termine di uscita dalla Ue ex articolo 50 del Trattato di Lisbona, il Regno Unito prosegue a trascinarsi da un proclama all’altro, senza riuscire a schiodare il negoziato con l’Unione. Dopo innumerevoli proclami, minacce, blandizie, teoremi, castelli in aria, ipotesi di proroghe, bizantinismi, guerriglia parlamentare, accessi di tosse incoercibile, fondali che si sbriciolano, “Brexit means Brexit” e così spero di voi, siamo di fatto fermi al punto di partenza.

In questo stucchevole minuetto, tra una comparsata a Firenze a proclamare il proprio amore per l’Europa ed una zuffa permanente tra Conservatori brexiter duri, molli, intermedi e ben cotti, i nostri eroi d’Oltremanica tentano ancora di cercare la chiave di casa sotto il lampione. Un aspetto molto interessante è nel frattempo emerso: tra i paesi dell’Unione, al momento nessuno ha interesse a rompere la disciplina di blocco e offrire ai britannici una via d’uscita purchessia, ad esempio l’offerta di un paio d’anni di transizione aggiuntiva, fatta passare per determinazione britannica.

La realtà è una ed una soltanto: ogni processo di decostruzione di stati e sovrastati ha tempi lunghi e costi di transizione elevatissimi, che nei casi più gravi rischiano di essere intollerabili per una democrazia. Ma il concetto è troppo difficile da cogliere per quanti hanno deciso, per pure beghe partitiche, che “il popolo è sovrano”, ed hanno aperto un vaso di Pandora di proporzioni colossali. Nell’ultimo anno abbiamo sentito tutto ed il contrario di tutto: un Regno Unito “sociale e solidale”, anzi no, una Singapore piantata nell’Atlantico, anzi no, una socialdemocrazia con lavoratori nei cda delle imprese, un trattato di libero scambio con gli antipodi, col Giappone, con Trump, con Marte, adesione al Nafta riveduto e corretto. Perché Brexit means Brexit, pappagalleggiava Theresa May, figura tragicomica e monumento vivente all’insipienza della politica che si confronta con un mondo fatto di complessità ed interdipendenze estreme.

Il campionario di casini è vastissimo e si estende sino a Westminster, dove i parlamentari chiedono che il rimpatrio dei poteri da Bruxelles non venga sequestrato dall’esecutivo ma redistribuito armoniosamente ai parlamenti devoluti britannici, e sempre sottoposto a controllo del potere legislativo che non sia un semplice si o no su una mozione. Ecco un’ottima occasione per scoprire quanto può essere seccante una democrazia compiutamente rappresentativa, appena smette di essere mitologicamente “diretta”. Per tacere dei numerosi guitti italiani che a giugno dello scorso anno preconizzavano una marcia trionfale britannica verso la “libertà”. Quella stessa libertà di dire e predicare cazzate che è la quintessenza della comunicazione politica contemporanea, un po’ ovunque.

Superfluo (o forse no) segnalare che ogni velleità di separazione e costruzione di piccole patrie con i loro piccoli simboli e tradizioni implica lo stesso problema, di cui stanno accorgendosi i catalani, che pure non appaiono monoliticamente a favore della secessione. Ma con questo non voglio dire che vinca sempre la signora TINA, sia chiaro. Anzi, credo i tempi siano ormai più che maturi per prendere posizione. Che è questa: solo una Hard Brexit può contemporaneamente produrre il rispetto della sovrana volontà popolare e fornire al popolo il riscontro diretto e non mediato dalla politica delle sue scelte sovrane.

Quindi, da oggi auspicherò che a marzo 2019 il Regno Unito esca immediatamente dalla Ue; che ricada nelle norme WTO su tariffe doganali; che le sue banche perdano il passporting verso la Ue; che una dogana fisica separi il territorio della Repubblica d’Irlanda da quello dell’Irlanda del Nord, così come le merci in entrata ed uscita dal Regno Unito siano assoggettate ai controlli doganali. Perché il Popolo è sovrano, e deve avere ciò che ha chiesto. Ogni ingerenza politica per deviare od opporsi al corso della Storia è un crimine contro il Popolo. Avanti tutta. Che il Popolo gusti sino in fondo la sua sovranità. E che ciò possa finalmente accadere anche agli italiani, che ne hanno estremo bisogno. E se questo porterà qualche profeta a finire appeso in piazza, per delusione popolare sugli esiti promessi, poco male: la Storia continua a non essere un pranzo di gala.

Ultimi in Adotta Un Neurone

Go to Top