Oggi, sul Giornale, oltre ad una meravigliosa prima pagina in cui si salta a piè pari nella tesi complottista da scarsa dimestichezza con la lingua inglese, di cui si diceva ieri (del resto, Renato Brunetta è editorialista di punta, ed anche di tacco, del foglio sallustiano), c’è una non meno stimolante intervista ad Ettore Gotti Tedeschi dove l’ex capo dello Ior si mette agilmente in scia al mood complottista in cui gli italiani tanto amano sguazzare.

Il presidente dello IOR, Ettore Gotti Tedeschi, sulle cui spalle pende ora anche l’onere dell’impresa titanica di risanare il buco nero del San Raffaele di don Verzé, dalle colonne dell’Osservatore Romano dice la sua sulla crisi e propone una “soluzione strategica” per uscirne e puntellare il nostro sistema produttivo. In sintesi, l’idea è no alla patrimoniale, si alla patrimoniale e al default.