Andrà molto peggio, prima di andare meglio

Occupazione, il boom è dentro di voi. Ma è quello sbagliato

in Economia & Mercato/Italia

Come facilmente prevedibile (e previsto), il mese di ottobre si è incaricato di ripulire i problemi statistici emersi nel mese di settembre sul totale degli occupati, e che avevano indotto il nostro facondo premier a gridare al miracolo in incubazione, persino con livelli di attività in calo.

Quindi, per riepilogare, a ottobre il totale degli occupati cala di 55.000 unità, ed il totale degli ultimi dodici mesi è praticamente invariato mentre da febbraio 2014, mese che segna convenzionalmente l’inizio della Grande Era Fiduciosa e Ricostruttiva Renziana, abbiamo solo 51.000 occupati in più. A beneficio di intellettuali, agit-prop e rondolini assortiti è utile ricordare che queste sono solo stime statistiche, non dati effettivi, quindi fate la tara per i margini di errore della metodologia di rilevazione.

Quindi? Quindi, per quei gufi dell’Istat, in questo paese la creazione di occupazione resta ferma. In attesa di sostituire le indagini Istat con alcune slides PowerPoint, segnaliamo anche che aumenta la disoccupazione e cala il tasso degli inattivi, quindi vi sono (pare) dei reingressi nelle forze di lavoro, oltre a gente che il lavoro lo ha perso. Questo contribuisce a far toccare al tasso di disoccupazione il livello del 13,2%. Peggior risultato della Ue, tra le altre cose.

Molto opportunamente, e tutt’altro che casualmente, il governo ha deciso di rendere noto proprio oggi, in contemporanea col dato Istat, anche quello delle Comunicazioni Obbligatorie relative a lavoro dipendente e parasubordinato del terzo trimestre, che mostrano un aumento annuale del 7,1% dei contratti a tempo indeterminato. Di per sé questo non significa granché, visto che servirebbe valutare anche eventuali “effetti confronto”, cioè la possibilità che il numero nei 12 mesi precedenti fosse molto basso, e quant’altro, cioè situazioni riconducibili al concetto di una tantum. Però vedrete che vi faranno ‘na capa tanta, con questo dato, e voi sarete così felici da credere che in Italia l’occupazione sta crescendo.

E’ notevole avere un esecutivo che ha deciso di ignorare la realtà in modo così patente. Ci sarebbe anche di che divertirsi, se la situazione non fosse maledettamente grave.

Aggiornamento: per la serie diamo i numeri. Il dato esatto di occupati è 22.323.000 a febbraio, 22.374.000 a ottobre. Serve un abaco, presidente?

Aggiornamento 2 – Pare peraltro che il decreto Poletti non c’entri granché, ma conta la narrativa, in fondo:

Ultimi in Economia & Mercato

Go to Top