L’obliteratrice guasta

Il leader della maggioranza al Senato statunitense, Harry Reid, dissente dalla visione da “bullismo preventivo” nella gestione dei rapporti internazionali di cui ha recentemente dato prova la (politicamente) moribonda Hillary Clinton. La credibilità difficilmente origina dai proclami, neppure da quelli più truculenti. Anche perché di solito il cane che abbaia ha difficoltà a mordere:

Well, I am certainly doing my best not to take sides in this presidential thing. But I think that flexing our muscles, threatening people, threatening countries, is not the American way. We have — as President Roosevelt, Theodore Roosevelt said, “speak softly, carry a big stick.” Words to that effect. And that’s what I think we should do. Speak softly, make sure that people know that we can react if we have to, but let’s not go around threatening people.

Sostieni Phastidio!

Dona per contribuire ai costi di questo sito: lavoriamo per offrirti sempre maggiore qualità di contenuti e tecnologie d'avanguardia per una fruizione ottimale, da desktop e mobile.

Per donare, clicca qui!