India, il sonno della ragione genera risparmio energetico

Questa notizia serve per tutti noi, italici disfattisti, che ci lamentiamo dell’analfabetismo economico della nostra classe politica. L’India, che importa l’80% del proprio fabbisogno energetico (oltre 140 miliardi di dollari nell’anno fiscale 2012-2013) ed ha un disperato bisogno di riequilibrare il proprio deficit delle partite correnti, medita di tagliare i consumi di carburanti del 3%, per risparmiare circa 2,5 miliardi …

Leggi tutto

India, la bolla che sta iniziando a scoppiare

di Mario Seminerio – Il Fatto Quotidiano Da alcuni giorni i paesi emergenti sono oggetto di forti vendite sui mercati di cambi, azioni ed obbligazioni. L’India ha visto una drammatica accelerazione del deprezzamento della rupia, un rialzo dei rendimenti obbligazionari e forti ribassi dei corsi azionari. Considerazioni analoghe valgono anche per Indonesia, Thailandia e, fuori dall’Asia, per Brasile, Sudafrica e …

Leggi tutto

Più quote per tutti

Se pensate che quote rosa ed affirmative action assortite siano piaghe caratteristiche delle decadenti democrazie occidentali, leggete quanto scritto da Federico Rampini nel suo ultimo libro, L’impero di Cindia: Ajay Dixit appartiene all’immensa corporazione dei Babu, la burocrazia indiana, quindi di servizi pubblici se ne intende. Quando mi invita a cena a New Delhi, il suo primo avvertimento è questo: …

Leggi tutto

Consecutio temporum

Si sa, a pensar male si fa peccato, ma talvolta ci si azzecca. Come sfuggire alla tentazione di porre in sequenza questa vicenda con questo pronunciamento? Certo, “Serve la realizzazione di un nuovo mercato del lavoro e maggiore flessibilità , credo che dei passi avanti siano stati fatti con la legge Biagi ma è necessario arricchirla con ammortizzatori sociali più …

Leggi tutto

Resta aggiornato!

Iscriviti alla nostra mailing list e ricevi gli aggiornamenti nella tua casella email

Grazie! Riceverai una mail di conferma. In caso non avvenisse, ricordati di guardare anche nella cartella antispam

Uh-oh, qualcosa è andato storto!

Send this to a friend