Interpretazioni

Pubblicato il 20 dicembre dall’Istat il dato sulla disoccupazione italiana nel terzo trimestre dell’anno. Curiosamente, i media hanno scelto pressoché all’unanimità di fornire il dato non destagionalizzato, cioè non corretto dagli influssi stagionali e dal numero di giorni lavorati, che mostra una disoccupazione al 7.4 per cento, mentre quello destagionalizzato è stabile all’8.1 per cento. Al contempo, riprendendo il commento dell’Istat al dato, giornali e telegiornali hanno iniziato a stracciarsi le vesti richiamando il fatto che, a tale contenuta disoccupazione, ha contribuito la contrazione delle forze-lavoro, con la riduzione del numero di quanti stanno attivamente cercando un lavoro. E’ questo il fenomeno dei lavoratori “scoraggiati” che, secondo l’Istat, resta particolarmente preoccupante tra i giovani e nel Mezzogiorno.

Se i media avessero utilizzato i dati “statisticamente corretti”, avrebbero constatato due cose:

1) La disoccupazione non è calata nel trimestre, ma è rimasta stabile all’8.1 per cento;

2) Non c’e stata alcuna flessione delle forze-lavoro e nessun fenomeno di lavoratori scoraggiati;

La morale è che, dando la notizia nel modo in cui è stata comunicata, si sono fornite due informazioni “eclatanti” (disoccupazione in calo, ma grave emergenza sociale dei lavoratori che gettano la spugna nella ricerca di un’occupazione) che hanno contribuito a “far titolo” mentre, se si fosse data l’informazione “statisticamente corretta”, di fatto non vi sarebbe stata alcuna notizia.

Bestseller
SanDisk Extreme SSD Portatile 500GB, Resistente alla Polvere, Velocità di Lettura Fino a 550MB/s, Nero
  • La ottima velocità di trasferimento,fino a 550 MB/sec,consente di trasferire rapidamente foto e video ad ottima risoluzione
  • Robusta,impermeabile e resistente alla polvere classe IP-55

Ultimo aggiornamento 2020-12-01 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Come noto i numeri, sottoposti a tortura, confessano qualunque cosa, e le esigenze dell’informazione che non informa pongono un’ipoteca sempre più seria sulla capacità dei cittadini di comprendere e partecipare alla vita pubblica.

Sostieni Phastidio!

Dona per contribuire ai costi di questo sito: lavoriamo per offrirti sempre maggiore qualità di contenuti e tecnologie d'avanguardia per una fruizione ottimale, da desktop e mobile.
  • Per donare con PayPal, clicca qui. Oppure, richiedi il codice IBAN. Vuoi usare la carta di credito per donazioni una tantum o ricorrenti? Ora puoi!
  • Share via
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
    Send this to a friend