Dove vanno le materie prime

Nella giornata di ieri l’oro ha ulteriormente esteso i propri incrementi di prezzo, il greggio è stato scambiato al nuovo massimo storico di tutti i tempi, mentre il grano ha registrato il maggior incremento su due giorni negli ultimi quattro mesi, dopo che l’ulteriore indebolimento del dollaro ha aumentato l’attrattività delle materie prime come strumento di protezione dall’inflazione. Il petrolio ha toccato ieri brevemente i 100 dollari al barile anche in conseguenza dei disordini in Nigeria e della ormai acquisita certezza (almeno di quella espressa dalle probabilità implicite nei prezzi di futures e opzioni sui Fed Funds) che la Fed già questo mese ridurrà i tassi ufficiali. In conseguenza, le pressioni inflazionistiche sono destinate ad aumentare, a causa della continua ascesa dei prezzi di alimentari ed energia.

Continua a leggere su Macromonitor