Trovate il refuso, the sequel

Antonio Azzollini colpisce ancora: l’impegnatissimo sindaco di Molfetta, nonché senatore, nonché presidente della Commissione Bilancio del Senato, nonché distratto relatore alla manovra finanziaria del governo ha firmato un emendamento, presentato oggi, in cui si prevede la sospensione fino al 31 dicembre dei pagamenti delle rate delle quote latte scadute lo scorso 30 giugno.

La spesa, pari a 5 milioni nel 2010, verrà coperta mediante “corrispondente utilizzo del fondo di riserva per le autorizzazioni di spesa delle leggi permanenti di natura corrente, iscritto nello stato di previsione del ministero dell’Economia e delle Finanze”. Dunque, ricapitoliamo: per non pagare la rata di una sanzione della Ue (giusta o sbagliata che sia, non argomenteremo qui nel merito), si gioca alle tre tavolette con il capitolo del bilancio dello Stato che finanzia leggi permanenti di spesa corrente, quindi non comprimibile nel breve termine, e si eroga per sei mesi un bell’aiutino di Stato, che verrà ulteriormente sanzionato dalla Ue.

Il tutto malgrado la contrarietà del ministro delle Politiche Agricole, Giancarlo Galan, che continua ad avere il grave torto di non essere leghista. Attendiamo pazienti la correzione del nuovo refuso.

Sostieni Phastidio!

Dona per contribuire ai costi di questo sito: lavoriamo per offrirti sempre maggiore qualità di contenuti e tecnologie d'avanguardia per una fruizione ottimale, da desktop e mobile.

Per donare, clicca qui!