Sul Sole di oggi, Michele Fratianni e Paolo Savona tornano sulla loro proposta (che ci era sfuggita) di “consolidare” il debito pubblico italiano, cioè di allungarne le scadenze e ridurne le cedole. Il commento è una risposta pressoché esplicita ad un editoriale della premiata ditta Alesina & Giavazzi, in cui si affermava che “Chi poi parla di consolidare il debito (un eufemismo per ripudiarlo) è un irresponsabile che altro non fa che aumentare il costo del debito stesso e quindi le imposte”. Proviamo ad analizzare da vicino la proposta Fratianni-Savona, d’ora in poi FS.

Come segnala il Financial Times, il mercato immobiliare commerciale spagnolo ed italiano è ormai morto. In Spagna, secondo dati di una società specializzata, nel secondo trimestre dell’anno sono state registrate solo tre transazioni per un controvalore totale di 67 milioni, contro le 58 del primo trimestre, pari a 260 milioni di euro. Identica sorte per il mercato italiano, con due transazioni contro 56.

“E’ grave che un partito come l’Udc, che si dice di ispirazione cattolica, si allei in Sicilia con un uomo come Saro Crocetta, del quale, sia chiaro, non ho nulla da dire sul piano personale, ma che dal punto di vista cattolico teorizza e propaganda quelle pratiche che le Sacre Scritture e il Vangelo, San Paolo in primis, bollano come pratiche sodomitiche contro natura”. Lo ha dichiarato Domenico Scilipoti, deputato di Popolo e Territorio, ospite del programma KlausCondicio.