Delrio, o del cronoprogramma che non colsi

Secondo una definizione piuttosto romantica, la politica è l’arte del possibile. Più prosaicamente, è l’arte del mentire, ed è coessenziale alla natura umana. Nel nostro paese quest’arte tocca sempre nuove vette, anche dopo l’entrata in scena (letteralmente) di Beppe Grillo e del suo sodale, uscito da un incubo di Philip Dick al culmine di un assai difficoltoso processo digestivo.

La domanda mancante del Compunto Presentatore

A “Che tempo che fa” di domenica scorsa, Fabio Fazio chiede diligentemente lumi al sottosegretario alla presidenza del consiglio, Graziano Delrio, sulla tassazione delle odiate “rendite finanziarie”. Fazio, con la caratteristica compunzione che troppi malevoli scambiano per un abile travestimento da scendiletto, chiede quali “rendite” saranno colpite.

Grazie Graziano, raccontane un’altra

Ebbene si, signori. Il dossettiano che regge sulle spalle il peso del governo Renzi ha sentenziato che “andiamo in Europa”. Un po’ come per le squadre di calcio di provincia, quando si appalesa la possibilità di farsi eliminare al primo turno di Europa League, la stagione successiva. Solo che nel caso specifico siamo di fronte ad un mix pericoloso di …

Leggi tutto

Delrio: “Togliere 30 euro a un’anziana si può”

di Mario Seminerio – Il Fatto Quotidiano Intervistato da Lucia Annunziata, il sottosegretario alla presidenza del consiglio e uomo-macchina del governo Renzi, Graziano Delrio, ha commentato l’ipotesi di finanziare parte dello sgravio sul costo del lavoro con un aumento della tassazione sul risparmio, o su quelle che vengono definite con caratterizzazione moralistica, “rendite finanziarie”.

Resta aggiornato!

Iscriviti alla nostra mailing list e ricevi gli aggiornamenti nella tua casella email

Grazie! Riceverai una mail di conferma. In caso non avvenisse, ricordati di guardare anche nella cartella antispam

Uh-oh, qualcosa è andato storto!

Send this to a friend