Sul Foglio compare una lettera al direttore firmata dall’ex ministro del Bilancio della Prima Repubblica, al secolo Paolo Cirino Pomicino. Anzi, ‘O Ministro, come era noto all’epoca. In essa, Pomicino critica la debolezza della Nota di aggiornamento al DEF (per gli amici, NaDEF), che trova priva di coraggio. E poiché l’ex ministro, per sua ammissione, non appartiene alla categoria dei “critici permanenti” ma “si impone” di far seguire la pars destruens dalla pars construens, ecco la sua ricettina appena sfornata.

Un paio di giorni addietro è stato pubblicato sul Foglio un gustoso editoriale di Paolo Cirino Pomicino, già ministro del Bilancio in un governo Andreotti, tra il 1989 ed il 1992 (anni ruggenti del successo italiano, moneta sovrana inclusa). In esso, Pomicino riprende e rilancia un paio di temi forti della nostra patriottica élite, impegnata allo spasimo per difendere le ricchezze accumulate in decenni di sangue, sudore e lacrime da un paese sotto costante assedio delle Forze del Male e della cupidigia dello Straniero Predatore.