I figli dell’Irap

Nuovo, ennesimo esempio di come si alimenta il dibattito pubblico in Italia:

Tra gli obiettivi della riforma fiscale c’è il ritorno alla deduzione per carichi familiari. Lo sottolinea il ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi, a margine del convegno della Cisl “Le donne e il lavoro: la risposta alla crisi“. Affermando che ”sbagliò il governo Prodi a cancellare le deduzioni per carichi familiari che sono come il quoziente familiare se non meglio”.
“Ritornare alle deduzioni per carichi familiari è obiettivo della riforma – ha spiegato – compatibilmente con la situazione economica e di finanza pubblica”.
Sacconi ha precisato che ”sui tempi della riforma e su come si finanzia parla Tremonti per tutti” (Ansa, 18 gennaio 2010)

In pratica, funziona così: un governo Prodi modifica la legislazione fiscale; l’opposizione di centrodestra sbraita contro il cambiamento, e promette solennemente che la riforma verrà riformata. Divenuta maggioranza, la ex opposizione conferma l’intervento. Ma non subito: più avanti.

Naturalmente, il fatto che lo spostamento da deduzioni dall’imponibile a detrazioni d’imposta abbia inizialmente prodotto un tesoretto di entrate fiscali, di cui anche l’attuale governo si è avvantaggiato, è dettaglio trascurabile. E’ solo quando la situazione degenera, e ci si rende conto che la pressione fiscale continua a crescere mentre le spese eguagliano inesorabilmente le nuove maggiori entrate, che si ulula contro il governo precedente.

Ma almeno abbiamo un dato politico rilevante: per Sacconi le deduzioni dall’imponibile sono “meglio del quoziente familiare”. Ora basta solo ripristinare lo status quo ante, auspicabilmente entro il secolo.

Sostieni Phastidio!

Dona per contribuire ai costi di questo sito: lavoriamo per offrirti sempre maggiore qualità di contenuti e tecnologie d'avanguardia per una fruizione ottimale, da desktop e mobile.

Per donare, clicca qui!