Andiamo avanti così, facciamoci del male

Pubblicate in Gazzetta Ufficiale le nuove modalità di detassazione del salario di produttività, cioè della parte variabile di stipendio. Quella che viene considerata anche dalla casalinga di Voghera come la pietra angolare della nostra strategia di rilancio produttivo. E non è un bel vedere.

Infatti, l’aliquota ridotta del 10 per cento varrà solo sui primi 2.500 euro e non su 6.000 come invece accadeva sinora. Inoltre, la platea dei beneficiari si ridurrà, visto che l'”agevolazione” sarà limitata ai percettori di reddito non superiore a 30.000 euro, dai 40.000 che vigevano lo scorso anno. Questa audace manovra farà in modo che, nell’esempio dell’articolo del Corriere, un operaio con imponibile di 35.000 euro lordi annui e 6.000 euro di straordinari, che con la vecchia norma avrebbe pagato (tutto compreso, addizionali incluse) solo 600 euro di tasse, da quest’anno si troverà a pagarne quasi 1.770.

E non è finita: per il 2013 il governo ha appostato a bilancio per questa fiscalità di vantaggio la miseria di 263 milioni di euro. E’ quindi verosimile che l’agevolazione, il prossimo anno, verrà erogata solo ai salariati con imponibile zero che siano anche in grado di leggere alla rovescia la Divina Commedia durante il passaggio della cometa di Halley. Si attendono convegni ed iniziative dedicati alla produttività.

Saremo anche un paese in crisi fiscale conclamata ma, quando si tratta di rendersi ridicoli, non ci facciamo mancare mai nulla.

Sostieni Phastidio!

Dona per contribuire ai costi di questo sito: lavoriamo per offrirti sempre maggiore qualità di contenuti e tecnologie d'avanguardia per una fruizione ottimale, da desktop e mobile.

Per donare, clicca qui!