Sulcis, uno spread italiano

Dal raddoppio del chilowattora in bolletta per gli acquisti Enel ai sussidi quindicennali all’Alcoa per compensare l’antieconomicità della produzione, la storia breve di uno degli innumerevoli spread italiani, che sanguina da prima dell’Unità:

«Se tutti i soldi spesi in sussidi in questi anni fossero stati messi in mano ai singoli minatori e lavoratori di Sulcis e zone limitrofe, sarebbero stati abbastanza per finanziare una casa, una seria formazione ed una nuova attività economica a ciascuno di loro. E ne sarebbero avanzati per bonificare l’intera area. Ma l’Italia si è fermata al Sulcis»

Alessandro Penati, 1 settembre 2012

Sostieni Phastidio!

Dona per contribuire ai costi di questo sito: lavoriamo per offrirti sempre maggiore qualità di contenuti e tecnologie d'avanguardia per una fruizione ottimale, da desktop e mobile.

Per donare, clicca qui!