Le fiabe progressiste del globetrotter di provincia

Declamare in modo solenne e pensosamente progressista un manifesto ideologico fatto di luoghi comuni fiscali tra i più vieti e fattualmente inconsistenti, perché già maltrattati dalla realtà, senza neppure riuscire a comprendere la distinzione minimale tra il soggetto passivo di una imposta e chi invece ne viene effettivamente inciso; venire brutalmente confutati, sempre per dato di realtà; ripiegare farfugliando qualcosa su una non meglio specificata “tassazione dei patrimoni finanziari”, a conferma di un provincialismo orecchiato ed orecchiante, in chi nella vita pare faccia il globetrotter dell’informazione; riuscire, di conseguenza, a far fare a Renato Brunetta una figura da gigante (pun intended).

Pareva impossibile portare a casa tutti questi risultati, eppure Federico Rampini c’è riuscito. Opinion maker taroccati per un’opinione pubblica che senza fiabe proprio non riesce a prendere sonno: that’s Italy.

http://swf.tubechop.com/tubechop.swf?vurl=ZedNfleRCIw&start=1541&end=1645&cid=1621127

Sostieni Phastidio!

Dona per contribuire ai costi di questo sito: lavoriamo per offrirti sempre maggiore qualità di contenuti e tecnologie d'avanguardia per una fruizione ottimale, da desktop e mobile.

Per donare, clicca qui!