Senza austerità i conti del Portogallo migliorano, ma c’è un po’ di doping

di Mario Seminerio – Il Fatto Quotidiano

Il Portogallo ha chiuso il 2016 con un rapporto deficit-Pil del 2,1%, il minore dalla caduta della dittatura, nel 1974. L’eclatante risultato pare dare ragione al governo monocolore socialista di Antonio Costa, che gode dell’appoggio esterno di comunisti, verdi e del Blocco di Sinistra, una composita maggioranza ribattezzata il “marchingegno” e che fa della lotta all’austerità il proprio obiettivo.

Il governo Costa, al potere dal 2015, ha cancellato i tagli di pensioni e retribuzione del pubblico impiego, riportandone la settimana lavorativa a 35 ore, reintrodotto le quattro giornate di festività tagliate per ridurre il costo del lavoro, ridotto l’Iva sulla ristorazione dal 23 al 13%, sfidando Bruxelles, aumentato il salario minimo, ripristinato la contrattazione collettiva per le imprese pubbliche. La risposta è stata un miglioramento della fiducia delle famiglie, tornate a consumare dopo i duri anni del Memorandum imposto dal salvataggio europeo per 78 miliardi di euro, nel periodo 2011-2014. L’ottimo risultato del deficit ha spinto il governo di Lisbona al pressing sulla Commissione Ue per uscire dalla procedura per deficit eccessivo, oltre a mandare in visibilio quanti pensano che sia possibile crescere senza dolorosi tagli.

Il Paese resta tuttavia con importanti vulnerabilità, prima fra tutte un settore bancario simile a quello italiano per incidenza delle sofferenze e dissesti sin qui molto costosi ma ancora irrisolti, come Caixa Geral de Depositos e Novo Banco. L’eccellente risultato di bilancio del 2016 è stato tuttavia conseguito con un vero e proprio crollo degli investimenti pubblici, tagliati del 30%, e con blocco del tiraggio delle spese correnti a fine anno. Sono interventi che ricordano quelli italiani dei tempi che furono e che rischiano di ipotecare lo sviluppo della produttività. Per il 2017 la legge di bilancio prevede un ulteriore calo del deficit-Pil, a 1,6%, fatto con misure una tantum quali un extra dividendo dalla banca centrale ed il venir meno della garanzia di stato su una banca posta in liquidazione.

Bestseller
Beach Volleyball Apparel Calze da spiaggia Calzini da beach volley, Nero, 38-41 (M)
  • La prima e unica calza, appositamente progettata per il beach volley ball
  • Protegge anche da calore, freddo e lesioni da oggetti appuntiti e sabbia grossolana

Ultimo aggiornamento 2021-03-06 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Sul piano fiscale è prevista l’introduzione di un’imposta sugli immobili “di lusso”, con valore superiore a 600.000 euro, e la monetizzazione del boom turistico che ha sin qui puntellato l’economia del paese, con un aumento della tassazione dal 15 al 35% sui redditi di appartamenti affittati da turisti. Previsto anche un blocco al 50% del turnover dei dipendenti pubblici. Malgrado la ripresa del Pil ed il calo del deficit, il rapporto debito-Pil portoghese è cresciuto nel 2016 di un punto e mezzo, al 130,5%, indicando che la stabilizzazione non è ancora divenuta circolo virtuoso.

L’economia portoghese rischia quindi di consolidarsi in una “specializzazione” a basso valore aggiunto (soprattutto turismo) e bassa crescita della produttività. Se queste misure “di sinistra” serviranno a conseguire la sostenibilità dei conti pubblici e garantire la dignitosa stagnazione del paese, resta da verificare.

Sostieni Phastidio!

Dona per contribuire ai costi di questo sito: lavoriamo per offrirti sempre maggiore qualità di contenuti e tecnologie d'avanguardia per una fruizione ottimale, da desktop e mobile.
  • Per donare con PayPal, clicca qui. Oppure, richiedi il codice IBAN. Vuoi usare la carta di credito per donazioni una tantum o ricorrenti? O preferisci donare bitcoin? Ora puoi!
  • Share via
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
    Send this to a friend