Il settimanale – 18/8/2018

  • Tra sindrome NIMBY e cattura del regolatore, piangiamo i morti;
  • A proposito di regolati che dettano i termini ai regolatori, come terminare una concessione autostradale? Come che sia, pare assurdamente costoso;
  • In attesa di accertare e sanzionare le responsabilità, unica certezza è che abbiamo un vicepremier profondamente disinformato, per usare un eufemismo;
  • E pure pesantemente recidivo, in tale disinformazione;
  • E pensare che, su costruzione e gestione delle grandi opere, la mano pubblica italiana è sempre stata un modello. Di criminalità;
  • Il rinvio del Piano Periferie: più che la Consulta, poté la politica;
  • Nel magico mondo rovesciato delle autocertificazioni della PA, il rigore è nei posti sbagliati;
  • Erdogan ha davanti a sé due strade, per gestire la crisi turca. Una porta all’impoverimento durevole;
  • “Chi ha pagato contributi previdenziali elevati non ha niente da temere”: certo, come no;

Il commento tecnico di un signore che vive di impresa, quindi per definizione è un nemico:

Sostieni Phastidio!

Dona per contribuire ai costi di questo sito: lavoriamo per offrirti sempre maggiore qualità di contenuti e tecnologie d'avanguardia per una fruizione ottimale, da desktop e mobile.

Per donare, clicca qui!