I navigator, ultimo prodotto della fabbrica di precari della PA

di Luigi Oliveri

Egregio Titolare,

finalmente si riesce a capire (?) qualcosa di più sui navigator. Sembra di aver compreso che:

  1. la legge di bilancio 2019 finanzia 4.000 assunzioni nei centri per l’impiego allo scopo di rafforzarli, ma non saranno questi a svolgere (almeno non necessariamente) la funzione di navigator;
  2. è il decreto legge sul reddito di cittadinanza a prevedere un finanziamento per avviare 4.000-4.500 navigator.

Prima di andare al nocciolo della questione, Titolare, Le racconto una breve storia.

Nel 2005, quando si attivò in modo intenso il primo vero blocco delle assunzioni nel lavoro pubblico, sa cosa fecero molte amministrazioni? Siccome erano state vietate solo le assunzioni a tempo indeterminato, iniziarono ad assumere ondate di lavoratori a termine. In pochissimo tempo si creò una platea di circa 500.000 precari: sicché la legge finanziaria del 2008 avviò un processo di stabilizzazione di questi precari, lunghissimo, mai esauritosi, tanto che vi si tornò con la legge finanziaria 2009, col decreto D’Alia nel 2013 e con la riforma Madia nel 2017. Ovviamente sempre al grido “mai più precari nella PA”.

Siccome l’abuso dei contratti a termine o di co.co.co. nella PA in quegli anni fu smaccato ed evidente, contestualmente si modificò il d.lgs 165/2001 (testo unico sul lavoro alle dipendenze delle pubbliche amministrazioni) disponendo il divieto di assumere con contratti a tempo determinato per fare fronte a fabbisogni di lavoro continuativi.

Fattesi furbe, molte amministrazioni, Titolare, allora decisero di aggirare l’ostacolo. Come? Facendo assumere – peraltro senza concorsi – i dipendenti da porre al loro servizio da società a partecipazione pubblica. Le conseguenze? Le stesse: un’ondata di precariato, bilanci delle società a ramengo, elusione e violazione senza scrupoli delle norme.

Quindi, nel 2008 si pose argine a questo andazzo, con l’imposizione del divieto espresso alle PA di reclutare personale per il tramite delle società partecipate, a loro volta obbligate ad assumere da allora mediante procedure in tutto analoghe a quelle concorsuali.

Non v’è spazio, Titolare, per elencare nel dettaglio l’immane giurisprudenza amministrativa e contabile che si abbatté sulle amministrazioni, per colpirle con strali micidiali e vendicativi per la violazione delle regole maturate nel corso di quegli anni, finalizzate ad arginare le “furbizie” genetiche di precariato pubblico senza alcun controllo.

Ebbene, Titolare, nell’apprendere che i navigator saranno finanziati appunto dal d.l. sul reddito di cittadinanza, veniamo anche a conoscenza della circostanza che il Governo, vista l’assoluta impossibilità di assumere i navigator per tempo entro aprile con gli ordinari sistemi di reclutamento valevoli nella PA (leggasi: concorsi), ha in mente di effettuare esattamente tutte le furbizie e violazioni dei principi di buon andamento che negli anni si sono sviluppate.

Infatti, nell’ordine, il Governo pensa di:

  1. Acquisire i navigator con contratti “flessibili”, non si è capito se di lavoro subordinato a termine o, peggio, con collaborazione coordinata e continuativa, nonostante il fabbisogno sia a tempo indeterminato, perché il reddito di cittadinanza è un istituto che vale a regime per il futuro, e non è un progetto limitato a pochi anni;
  2. L’ingaggio dei navigator avverrà senza concorso alcuno, ma con un reclutamento diretto;
  3. Per la ragione di cui al precedente punto 2, si pensa, quindi, di fare reclutare i 4.000-4.500 navigator da una società a partecipazione pubblica, la Anpal Servizi;
  4. Pur essendo i navigator, quindi, assunti senza alcun concorso, si afferma già di volerli “stabilizzare”, nonostante tutte le norme fin qui emanate in tema di stabilizzazione abbiano previsto come presupposto necessario per l’assunzione dei “precari” della PA che essi fossero stati reclutati a suo tempo per concorso, allo scopo di evitare elusioni plateali dell’articolo 97 della Costituzione.

Non male, vero, Titolare? Un percorso, quello che sta attivando il Governo, che se immaginato dal responsabile di un comune comporterebbe immediatamente oscuramento del cielo, lampi e nitriti di cavalli come al pronunciare il nome della celeberrima Frau Blücher. Ma, invece, il Governo può perché “vuolsi così, colà dove si puote ciò che si vuole, e più non dimandare”.

Un bello smacco ad oltre un decennio di legislazione avviata per rimediare ai sotterfugi attuati dalle pubbliche amministrazioni, fonte di precariato, aumento della spesa pubblica e necessità di “stabilizzazioni”, che poi altro non sono se non sanatorie di comportamenti irregolari, che nel privato sono pesantemente sanzionati.

Il tutto, poi, condito dall’osservazione che i navigator precari saranno la guida per i disoccupati a reperire lavoro. Un che di ironico o mefistofelico.

Sostieni Phastidio!

Dona per contribuire ai costi di questo sito: lavoriamo per offrirti sempre maggiore qualità di contenuti e tecnologie d'avanguardia per una fruizione ottimale, da desktop e mobile.

Per donare, clicca qui!