Le Belve – 30/11/2019

Per l’attualità della settimana, un veloce ripasso su cosa è realmente il tasso di disoccupazione e perché serve evitare di festeggiare pavlovianamente se scende, e l’attesa infinita di una soluzione ai casi Alitalia ed Ilva che non sia solo distruzione di denaro dei contribuenti in nome della “rinascita dell’Iri”, che in realtà sarebbe rinascita della Gepi, se solo i nostri attuali politici avessero studiato meglio la storia patria.

Con Alessio Argiolas parliamo del rapporto Banca Mondiale-PWC Paying Taxes e della posizione del nostro paese, che sta lentamente ma inesorabilmente soffocando tra pressione tributaria, contributiva e burocratica, e dell’illusione che decontribuzioni temporanee possano servire a farci stare meglio.

Con l’avvocato Alessandro De Nicola parliamo delle conseguenze per economia e impresa della cosiddetta riforma della prescrizione, i cui termini dal prossimo primo gennaio verranno sospesi dopo la sentenza di primo grado, promettendo tempi biblici per i successivi gradi di giudizio ed ovvi ricorsi alla Consulta per violazione del principio costituzionale della ragionevole durata del processo.

Col professor Paolo Manasse, docente di macroeconomia e politica economica internazionale all’Università di Bologna, cerchiamo di far luce sulla decrescita infelice della produttività italiana, la maggior minaccia al tenore di vita futuro degli italiani, e confutare la distorta percezione che vede nel concetto di produttività il sinonimo di sfruttamento.

Buon ascolto, anche della playlist delle Belve.

Sostieni Phastidio!

Dona per contribuire ai costi di questo sito: lavoriamo per offrirti sempre maggiore qualità di contenuti e tecnologie d'avanguardia per una fruizione ottimale, da desktop e mobile.
  • Per donare con PayPal, clicca qui!
  • Non hai un conto PayPal e la tecnologia ti intimidisce? Richiedi il codice IBAN!