I nostri media da giorni ripetono ossessivamente che “il governo e la Ue stanno trattando” sulla legge di bilancio 2019, manco fosse un negoziato sul disarmo atomico tra superpotenze mentre in realtà è la calata di braghe ed il tentativo di evitare che un ridicolo paese guidato da demagoghi che si sbracciano dai balconi finisca in bancarotta a stretto giro, perdendo l’accesso ai mercati finanziari.

Oggi Istat ha pubblicato la stima finale della variazione del Pil per il terzo trimestre. C’è una spiacevole revisione al ribasso, per arrotondamento, che porta a meno 0,1% il dato congiunturale, cioè rispetto al secondo trimestre di quest’anno, a ed un assai magro +0,7% la crescita tendenziale, cioè rispetto al terzo trimestre dello scorso anno. Interessante è la disaggregazione del dato.

A partire dal primo gennaio, la Bce interromperà non solo gli acquisti di titoli di stato dell’Eurozona, certamente la componente quantitativamente più rilevante del cosiddetto easing quantitativo (QE), ma anche quelli di obbligazioni societarie. Questa circostanza potrebbe creare più di un problema ai mercati ed ai debitori, viste le modalità degli acquisti.

Ieri Unicredit ha emesso un bond per 3 miliardi di dollari, a mezzo collocamento privato (si dice che l’acquirente possa essere l’asset manager Pimco), ad un costo che conferma, se mai ve ne fosse bisogno, che le nostre banche stanno pagando carissimo il governo degli scappati di casa gialloverdi. E che quindi sarà l’economia italiana, fortemente bancocentrica, a pagare il conto finale.

Quindi, pare che i nostri scappati di casa, spinti a più miti consigli dall’eventualità di perdere l’accesso al mercato già a gennaio, siano intenzionati a modificare la Manovra del Popolo. Da quanto emerge in queste ore, tuttavia, non si tratterebbe di nulla di sostanziale ma dell’abituale tentativo di smerciare pacchi nel parcheggio dell’autogrill, che pare essere diventata l’attività prevalente degli italiani nel rapporto con la realtà. Un vero peccato che quest’ultima non si faccia turlupinare.

Vi ricordate HSH Nordbank? Ma sì, è la banca tedesca attiva nel credito alla cantieristica, finita nei guai per troppe sofferenze e che da anni godeva di aiuti pubblici, autorizzati dalla Commissione europea. La banca è (anzi, era) pubblica, e questa circostanza, per motivi imperscrutabili, suscitava negli italiani una incoercibile invidia. Ma come? I contribuenti tedeschi spendono un sacco di soldi per una banca in dissesto, e a noi orgogliosi italiani viene impedito? E chi saremmo, figli di un debito minore?

Oggi sui giornali italiani compare il resoconto della epocale cena tra il premier italiano Giuseppe Conte ed il presidente della Commissione Ue, Jean-Claude Juncker, in cui non è accaduto nulla di sostanziale né di verificabile a parte il menù, riportato da quasi tutti gli organi di stampa. Oggi emergono alcuni spifferi di quella che potrebbe essere l’offerta italiana e ve ne diamo conto per dovere di cronaca, ma non perdeteci troppo tempo. Unica conclusione a cui si può giungere, se tali spifferi fossero confermati dai fatti, è che abbiamo al governo una coalizione di pericolosi incapaci, mossi solo da bulimia di potere. Strano, vero?

Nei giorni scorsi ho segnalato più volte un bizzarro atteggiamento del direttore del Tg La7, Enrico Mentana. Nello specifico, quello di commentare il livello giornaliero dello spread tra Btp e Bund enfatizzando le chiusure su livelli inferiori ai massimi di giornata, anche quando tali chiusure sono comunque superiori a quelle del giorno precedente. Ad esempio, cose del tipo “oggi lo spread ha toccato un massimo di 320 punti base ma poi ha ripiegato chiudendo a 318″, quando il giorno precedente la chiusura era a 310. Questo modo di dare la notizia, solo in apparenza oggettivo, è in realtà distorsivo perché, concentrato sul brevissimo termine (la giornata), finisce col decontestualizzare il trend, che è invece di fortissimo allargamento, da mesi.